«Milano favorita? Non sono sicuro»

Alla vigilia della trasferta a Roma, Nicolas Mazzarino, capitano della Pallacanestro Cantù, non nasconde le sue ambizioni
Chebolletta Cantù in rampa di lancio. Dopo la bella vittoria inaugurale contro l’Umana Venezia, domenica sera (ore 20.30 diretta tv su Raisport) la squadra di coach Andrea Trinchieri è attesa dalla prima trasferta in campionato sul campo della rinnovata Virtus Roma, vittoriosa anch’essa al debutto a Pesaro.
Un test impegnativo per i brianzoli all’ombra del Colosseo che apre una settimana di fuoco che continuerà giovedì con il debutto in Eurolega a Desio contro Lubiana e poi domenica
prossima con un’altra trasferta tosta a Sassari.
Ma la Chebolletta si presenta nella capitale sulle ali di un grande avvio di stagione dopo il successo in Supercoppa e la qualificazione in Eurolega, come ammette il capitano Nicolas Mazzarino finalmente felice per aver alzato un trofeo da canturino: «Ovviamente siamo soddisfatti di tutto questo – spiega – Siamo stati bravi a farci trovare subito pronti visto che avevamo un mese di settembre pieno di impegni importanti e ci siamo tolti belle soddisfazioni».
«Merito anche di un gruppo di ragazzi veramente super – aggiunge – Ora, però, non dobbiamo mollare di un centimetro perché sappiamo quanto sia difficile gestire le energie per il doppio impegno».
Capitolo campionato: alle porte la prima trasferta con la Virtus Roma. «La Virtus è una squadra profondamente rinnovata che è partita bene vincendo a Pesaro – spiega Mazzarino – Una formazione davvero interessante con tanti giovani a cui dobbiamo prestare molta attenzione, e con italiani di valore come l’azzurro Luigi Datome».
Il “cardinale” sposta il tiro e prova a leggere il nuovo campionato. «Un po’ tutti gli addetti ai lavori stanno affermando che sulla carta la grande favorita è Milano, allora vorrà dire che Montepaschi Siena e anche noi di Cantù proveremo a fare da primi inseguitori. Ma non si devono dimenticare altre squadre forti che possono davvero far bene come Sassari, Varese e Venezia. Sono sicuro che sarà un torneo più incerto di quello che si dice in giro».
Capitolo Eurolega: da giovedì si comincia una nuova avventura, la seconda consecutiva nella massima competizione. Con quali obiettivi? «Noi vogliamo sempre fare il meglio possibile. Sappiamo che il girone è molto difficile, ma non partiamo certo battuti. Ripeto: è importante però aver imparato dall’esperienza dello scorso anno per riuscire non solo a fare bene in Eurolega, ma anche a rimanere sempre ai vertici Italia in campionato e Coppa Italia. Questo deve essere il nostro obiettivo. E noi i nostri obiettivi li abbiamo ben stampati in mente».
I precedenti: la partita di domani è il 75° confronto diretto in campionato tra Cantù e Roma. Leggermente avanti i capitolini con 39 vittorie contro le 35 brianzole. Forbice che si dilata però se si considerano solo le gare giocate nella capitale dove Cantù ha vinto solo 11 volte sui 37 precedenti.
Ex: il neocanturino Pietro Aradori da giovanissimo ha giocato un scorcio di stagione 2007-2008 a Roma, conquistando la finale scudetto persa nella partita contro Siena dove poi si è trasferito prima di giungere in Brianza.

Andrea Piccinelli

Nella foto:
L’italo-uruguaiano in azione
Nicolas Mazzarino durante la gara di martedì scorso con Venezia, vinta agevolmente dalla Chebolletta (foto agenzia Ciamillo-Castoria)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.