«Nomineremo dei referenti»

altLa replica

(f.bar.) Una maggior collaborazione tra i condomini degli alloggi popolari e Palazzo Cernezzi. È quello che invoca l’assessore al Patrimonio del Comune di Como, Marcello Iantorno.
«Si potrebbe nominare, per i casi più delicati come la realtà di via San Bernardino da Siena, una persona che funga da amministratore. Una figura scelta dai residenti. A noi consentirebbe di non dover fissare troppi colloqui singoli». L’assessore è comunque ben

consapevole della precarietà della situazione. «Il quadro non è incoraggiante. Esistono molti problemi da risolvere e poche risorse da destinare a tale scopo. Sarebbe utile poter accrescere l’autonomia tecnica del settore Patrimonio dotandolo di almeno un paio di figure in grado di alleggerire il carico dell’ufficio Opere pubbliche», aggiunge Iantorno che poi entra nel dettaglio dei luoghi visitati.
«Per quanto riguarda via Cosenz allerterò immediatamente i tecnici per verificare se, in effetti, sono rimasti i resti degli ultimi interventi eseguiti. E se esiste dell’eternit». Diverso il discorso per via Turati. «In effetti in questo caso ciò che più stona è la presenza di ben 16 alloggi sfitti. Devono essere eseguiti lavori di manutenzione», spiega Iantorno.
Una delle realtà più preoccupanti «è senza dubbio quella di via San Bernardino da Siena. Qui le case vuote sono una ventina. Gli ingressi sono stati murati per evitare l’arrivo di abusivi». Spostandosi in via Spartaco sono invece 10 gli alloggi sfitti.
«Ma stiamo già lavorando per rendere agibili alcuni di questi immobili. Purtroppo il compito più arduo è sempre quello di reperire risorse», conclude l’assessore Iantorno.

Nella foto:
L’assessore al Patrimonio, Marcello Iantorno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.