Lockdown Inghilterra, petizione contro chiusura campi

Oltre 250.000 firme per tenerli aperti. E' "sfida" a Johnson

(ANSA) – ROMA, 02 NOV – Una "sfida rispettosa contro la decisione del governo di chiudere i campi da golf" per via del lockdown nazionale, volto a contenere il Covid, che partirà dopo la mezzanotte tra mercoledì 4 e giovedì 5 novembre e resterà in vigore fino al 2 dicembre. E’ quella lanciata dalla England Golf dopo la scelta di Boris Johnson, premier britannico, dovuta all’impennata dei contagi, che ha annunciato una nuova chiusura nazionale in Inghilterra. I campi da golf, tra questi anche quelli pratica, attualmente rientrano nella categoria delle strutture per il tempo libero all’aperto a cui sarebbe stata ordinata la chiusura per "ridurre i contatti sociali". Di qui la decisione di lanciare anche una petizione per chiedere l’esenzione dei campi da golf dal provvedimento che ha ricevuto oltre 255.000 firme in poche ore ed è stata "sponsorizzata" anche da Lee Westwood, ex numero 1 del "green" maschile, con l’obiettivo di portare il "caso" in Parlamento. Per la "England Golf" chiudere i percorsi di gioco è "controproducente visto che questo è ampiamente riconosciuto come uno sport che fa bene al corpo e all’anima. E ancora: che ribadisce i suoi benefici anche per le persone più anziane. Con il golf che può aiutare a superare questa terribile pandemia anche sotto il profilo psicologico". Queste le motivazioni espresse da Jeremy Tomlinson, Ceo della England Golf. Pronta a sfidare le decisioni di Johnson. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.