L’omicidio di Antonio Deiana: la pena in Appello scende tra 30 a 18 anni

Il ritrovamento del corpo di Antonio Deiana

Sensibile riduzione di pena, da 30 anni a 18, per Luca Sanfilippo, 48enne di Cinisello Balsamo accusato (e reo confesso) dell’omicidio di Antonio Deiana, 36enne di Villa Guardia scomparso il 20 luglio 2012 e ritrovato sei anni dopo seppellito in un seminterrato di un palazzo proprio di Cinisello Balsamo (dove Sanfilippo abitava), ricoperto da una gettata di cemento.

I giudici dell’Appello di Milano hanno riconosciuto all’imputato – che aveva scelto il rito Abbreviato – di aver collaborato con la giustizia, permettendo di meglio delineare il quadro di quanto avvenuto per poi risalire al secondo imputato (Nello Placido, di Monza) che ha tuttavia scelto una via alternativa al rito Abbreviato sfidando la Corte d’Assise dove ha rimediato 22 anni.

Sanfilippo partiva da 30 anni in quanto in primo grado non gli era stata riconosciuta alcuna attenuante. I giudici di Milano hanno invece mantenuto invariato il risarcimento provvisionale da 100 mila euro per la parte civile costituita, ovvero la sorella della vittima.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.