L’omicidio di via Canturina: Armando Molteni ai “domiciliari” in ospedale

Arresti domiciliari all’ospedale Sant’Anna, dove è ricoverato da venerdì scorso, per l’ex vigile di 82 anni accusato di aver accoltellato a morte la moglie di 78 anni prima di tentare a sua volta il suicidio. L’uomo, Armando Molteni, ha ferite al collo e alle braccia ma non è in pericolo di vita. Quando potrà essere dimesso, potrebbe essere trasferito nell’abitazione di uno dei figli. Difficile pensare invece che possa scontare i domiciliari da solo, nella sua abitazione di via Canturina nella quale è avvenuto l’omicidio.

L’uomo, che era deciso a togliersi la vita, ha lasciato una lettera, che ora è agli atti dell’inchiesta, nella quale avrebbe chiesto perdono ai figli per il suo gesto, spiegando di non riuscire a sopportare la malattia della moglie Anna, con la quale ha condiviso l’intera vita. Domenica scorsa, durante le messe, il parroco di Albate don Antonio Fraquelli, ha ricordato la tragedia che ha colpito la famiglia Molteni, ha invitato tutti a pregare e ha ribadito la vicinanza dell’intera comunità alle persone colpite da questo dramma improvviso e inaspettato.

Articoli correlati