Cronaca

«Orgoglioso dell’iniziativa»

alt Il primo cittadino Claudio Bizzozero
La donna islamica: «Ci sono troppi pregiudizi»
Lunedì sera, proprio nelle stesse ore in cui la Lega raccoglieva firme porta a porta contro la realizzazione di una moschea a Cantù, sono state gettate le basi per un coordinamento pro Islam. “Liberi insieme”, questo il nome deciso dalle circa sessanta persone che si sono riunite nella sede Arci della stessa città, è un progetto che vede nella libertà di culto e nell’integrazione i suoi principali fondamenti.
«Come canturino sono orgoglioso di questa iniziativa – dice Claudio Bizzozero

, sindaco di Cantù – molti credono che questa sia una città razzista, ma sotto una superficie ruvida si nasconde un buon cuore. È importante cercare di coinvolgere più persone possibili e fare passare la paura del diverso». Un coordinamento, quello di “Liberi insieme”, che si dissocia da qualsiasi appartenenza politica e che punta dritto ai cittadini. «Sono qui stasera per dare il mio sostegno – spiega Bizzozero – così come i consiglieri comunali, ma vogliamo che questo progetto sia autonomo e slegato da qualsiasi etichetta. Devono essere i cittadini a portarlo avanti, così come lo hanno fatto nascere».
Il coordinamento si è proposto di sviluppare nei prossimi mesi diverse iniziative. «Inizieremo con un convegno – dice Attilio Gerosa – poi parteciperemo ad altre manifestazioni e organizzeremo incontri per diffondere più informazioni possibili. Voglio sottolineare che la nostra, prima che un contrasto, deve essere un’alternativa all’azione della Lega».
Ed è proprio per questo motivo, per rappresentare al meglio lo spirito del comitato, che Maria Teresa Paciotti, italiana di fede musulmana, è stata eletta coordinatrice. «Ci sono tanti pregiudizi verso la nostra religione – dice – che non fanno altro che peggiorare i rapporti tra cittadini. Tutti uniti potremmo cambiare molte cose. Io sono italiana, sono nata qui e vivo a Cantù da vent’anni. Ma è inutile, quando indossi il velo, le persone ti guardano in modo diverso».

Enrica Corselli

Nella foto:
Musulmani in preghiera all’interno della moschea di via Pino chiusa dal Comune di Como nel 2005
7 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto