Lotta al miele sintetico dalla Cina

api

«Il 2017 è stata un’annata estremamente negativa, nel 2018 è andata un po’ meglio, ma sono ancora numerosi i casi di moria delle api dovuti all’inquinamento». La produzione del miele sul Lago di Como, zona tradizionalmente favorevole a questa attività, non sta vivendo un periodo particolarmente positivo della sua storia.
Questo è almeno il quadro che viene dipinto da Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como-Lecco. E intanto, proprio in queste ore, la Regione Lombardia ha approvato il Programma triennale apicolo regionale 2020-2022, che stabilisce le linee generali per l’attuazione delle azioni dirette a migliorare la produzione e la commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura.
Il finanziamento totale ammonta a 3.2 milioni di euro.
«Vogliamo promuovere la qualità dei prodotti lombardi – ha dichiarato al proposito l’assessore regionale all’Agricoltura, Fabio Rolfi – e contrastare l’importazione di miele sintetico dalla Cina».
«Il fenomeno dell’importazione riguarda anche il nostro territorio – dice Fortunato Trezzi – Questo tipo di prodotto è destinato soprattutto all’industria dolciaria. La Coldiretti ha come canale di distribuzione privilegiato i mercati di “Campagna Amica”: qui i consumatori sono certi di poter acquistare prodotti locali certificati e di assoluto livello».
Gli interventi finanziati da Regione Lombardia riguarderanno innovazione e sviluppo, contenimento delle avversità sanitarie, miglioramento della qualità delle produzioni, sviluppo del mercato del miele lombardo e sviluppo del patrimonio apistico lombardo.
«Un intervento favorevole e confortante – conclude Fortunato Trezzi – Sicuramente ne andranno a beneficiare anche i produttori lariani».
La Lombardia conta su circa 5.000 apicoltori fra professionisti e hobbisti e su oltre 143.000 alveari, il 12% del totale nazionale. Sono 350 invece gli operatori che hanno in questa attività la principale fonte di reddito della propria azienda.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.