«Piazza Roma, ogni rivoluzione genera contraccolpi»

alt

La città che cambia
L’assessore Gerosa risponde a muso duro alle proteste dei commercianti

Duello infinito tra i commercianti di Piazza Roma e l’assessore alla Mobilità Daniela Gerosa. Ieri pomeriggio l’ennesimo capitolo.
Una delegazione di 25 esercenti ha infatti incontrato l’assessore e il vicesindaco di Como, Silvia Magni. Sul tavolo il progetto della nuova Ztl che, in piazza Roma, ha cancellato di colpo i parcheggi blu a pagamento a favore di quelli destinati ai residenti e che «sta trasformando questa zona in un vero cimitero. Quando scatterà inoltre il divieto di accesso (ora in stallo per i lavori in corso sulla darsena) i nostri affari

non potranno che peggiorare», hanno detto alcuni negozianti presenti al vertice.
Il vertice, organizzato dal sindaco dopo l’ennesima protesta dei commercianti presentatisi per avere chiarimenti durante una delle ultime sedute del consiglio comunale, non ha però cambiato le carte in tavola. Da un lato l’assessore Gerosa ha ribadito la ferma volontà di andare avanti con il piano di ampliamento della ztl. E sul fronte opposto questo ennesimo muro di gomma non è piaciuto.
«Abbiamo ribadito il nostro bisogno vitale di poter disporre di posti blu per salvaguardare la clientela. Abbiamo chiesto, inoltre, di riqualificare la piazza come promesso – dice Corrado Sancesareo, uno dei primissimi portavoce della protesta di piazza Roma – Ma sembra che questo piano non sia modificabile in alcun modo». Nei prossimi giorni i commercianti si incontreranno per studiare come muoversi.
«Innanzitutto abbiamo deciso di stilare un documento comune per ribadire, ancora una volta, alcuni punti per noi fondamentali». Tra questi l’idea di numerare i posti gialli assegnati ai residenti e trasformare quelli inutilizzati in parcheggi blu. Mantenere dunque anche la possibilità di accesso, limitatamente alla presenza di stalli vuoti, in piazza Roma. «Non hanno ancora capito che chiudendo così l’intera area per noi non ci sarà futuro. I clienti non arriveranno più. Io stesso nel mese di settembre ho visto crollare gli incassi. Qui si gioca sulla nostra pelle», aggiunge Sancesareo. «Abbiamo bisogno di posti a pagamento. Ben venga in tal senso la recente proposta dell’assessore Gerosa». Il riferimento è a quanto detto alla fine di settembre. Ovvero alla possibilità, dopo la conclusione dei lavori sulla darsena e il ripristino della viabilità, di cancellare i 23 posti gialli presenti a ridosso dei giardini Monsignor Alessandro Maggiolini, ripristinando parcheggi blu. «Perché inoltre, come abbiamo fatto presente, il comune non interpella Trenord per verificare l’eventualità di utilizzare uno spazio esistente a ridosso della stazione Lago per fare dei parcheggi?». All’incontro era presente anche Ferruccio Gavazzi, dell’omonimo garage di piazza Roma. «L’assessore non sembra capire le nostre necessità. Ha annotato per l’ennesima volta le nostre perplessità ma il messaggio è chiaro: non si torna indietro. Ora stileremo un documento ufficiale con le nostre esigenze e lo riproporremo – racconta Gavazzi – Speriamo in un altro incontro entro breve». E trapela anche lo scetticismo. «Forse quando scatterà definitivamente il divieto di accesso in piazza Roma e lungo via Manzoni e viale Lecco, si scatenerà l’apocalisse si renderanno conto dell’errore e magari torneranno sui loro passi». Immediata la replica dell’assessore Gerosa. «È stata una riunione impegnativa. I commercianti hanno ribadito alcune criticità che, secondo loro, potrebbero influire negativamente sull’andamento degli affari, fermo restando che i risultati negativi che stanno già registrando sono anche conseguenza della crisi generalizzata del settore commercio – dice Daniela Gerosa –  Per ora si va avanti con il progetto che, lo ricordo, prevede una fase sperimentale di sei mesi. Un lasso di tempo che ci servirà per valutare eventuali correttivi. Ma questa rivoluzione, come tutto ciò che influisce su abitudini consolidate, avrà alcuni contraccolpi».
 Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Piazza Roma, 14 agosto 2013: il sindaco Mario Lucini e l’assessore Daniela Gerosa fanno il primo sopralluogo (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.