Cronaca

«Polizia di frontiera senza giubbotti antiproiettile»

altLa denuncia del Sindacato autonomo: «Ne hanno ritirati 25 e restituiti 6»
(m.pv.) Ennesima denuncia da parte del Sindacato autonomo di polizia.
Questa volta non si tratta di divise logore, oppure di benzina per le auto o di manutenzione delle vetture stesse.
Al centro delle proteste in questo caso sono finiti i giubbotti antiproiettile a disposizione della polizia di frontiera. Componente fondamentale soprattutto per chi deve controllare una fascia delicata come quella di confine tra l’Italia e la Svizzera. Luogo dove è possibile incontrare qualsiasi cosa, passando dai clandestini a pericolosi trafficanti.

Secondo quanto riferito dal segretario provinciale del Sap, Ernesto Molteni, a fronte di 25 giubbotti logori e restituiti in quanto ritenuti non più utilizzabili, ne sarebbero tornati alla base appena 6.
Lasciando dunque un buco di 19 giubbotti in meno. Gli uomini impegnati nelle pattuglie della polizia di frontiera (pattuglie divise in più turni) sono una decina, dunque i sei antiproiettile non riuscirebbero a coprire nemmeno questa basilare e fondamentale distribuzione.
E il Sindacato autonomo di polizia, sulla vicenda, annuncia battaglia.
«Nei prossimi giorni chiederemo spiegazioni – dice al riguardo proprio Molteni – I giubbotti antiproiettile sono dotazioni personali fondamentali, e devono dunque fornirci chiarimenti per quanto accaduto, alla luce soprattutto delle normative sulla sicurezza».
Forze dell’ordine sempre più in difficoltà, dunque.
Oltre ai giubbotti antiproiettile anche i caschi utilizzati dagli agenti che si occupano di ordine pubblico negli stadi e nei palazzetti non vengono cambiati ormai da anni.
«Vengono sostituiti soltanto ai reparti mobili», conclude Molteni.
Mentre ci sono agenti che effettuano servizio allo stadio di Como che si trovano a dover indossare caschi con l’imbottitura ormai fuoriuscita e dalle visiere infrante.
Insomma, oltre alla questione del braccio di ferro con il governo per il blocco degli straordinari, le proteste del Sap si allargano anche ad altri settori.

Nella foto:
La denuncia del Sap: la polizia di frontiera non ha sufficienti giubbotti antiproiettile. A fronte dei 25 ritirati ne sono stati restituiti 6
15 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto