«Prima le alleanze e poi il metodo». La Lega prende tempo sulla scelta dei candidati

Parla il segretario provinciale del Carroccio, Cristian Tolettini
Primarie sì, primarie no. Il centrodestra comasco si interroga sull’opportunità di celebrare il rito della consultazione popolare finalizzata a individuare il candidato sindaco. La proposta, a suo tempo lanciata a livello nazionale dal segretario del Pdl, Angelino Alfano, ha trovato molti estimatori anche in periferia.
Sul Lario il più determinato è apparso Sergio Gaddi, assessore alla Cultura di Palazzo Cernezzi, convinto probabilmente del fatto di poter vincere eventuali primarie. L’altro

giorno Gaddi ha rilanciato l’idea e proposto addirittura un giorno – il 27 novembre – a mo’ di sfida con il centrosinistra, che proprio in quella data chiamerà al voto elettori e simpatizzanti.
La proposta di Gaddi è stata ripresa dal coordinatore provinciale del Pdl, Alessio Butti, il quale non ha opposto alcuna pregiudiziale alle primarie, pur ammettendo che simili consultazioni dovrebbero comunque prevedere la partecipazione (e quindi l’accordo) degli alleati. A partire, è ovvio, dalla Lega Nord, partito con cui nel 2007 Forza Italia e An fecero accordi in città, in provincia, a Erba e a Cantù.
Sulla questione diventa quindi dirimente l’opinione del Carroccio. Raggiunto ieri al telefono, il segretario provinciale leghista, Cristian Tolettini, non ha chiuso la porta all’ipotesi primarie, ma ha espresso perplessità e dubbi sui tempi e sulle modalità organizzative della consultazione.
«Premetto che a mio parere le primarie sono uno strumento potenzialmente utile – dice Tolettini – possono alimentare la partecipazione e garantire maggiore democrazia ai cittadini. La Lega Nord, al suo interno, adotta già forme simili di coinvolgimento degli iscritti, ad esempio quando si eleggono i segretari provinciali. Non siamo quindi contro questo metodo».
Significa che direte sì a una eventuale proposta del Pdl?
«Nel caso specifico delle elezioni amministrative del 2012 è prematuro parlare di primarie. Una qualunque decisione va presa dopo la scelta sulle alleanze, cosa di cui ancora non si è parlato. Aggiungo che le primarie richiedono tempo per essere organizzate in modo serio».
Entro quanto decidere con chi andare alle elezioni e se confermare l’alleanza con il Pdl?
«Non sono state fissate date, ne stiamo discutendo ma per la decisione finale servirà ancora un po’ di tempo».
Si dice che a Erba, però, abbiate deciso di andare da soli. È vero?
«A Erba si parte da una situazione di rapporti difficili con il Pdl. Tuttavia anche in questo caso non è stata presa alcuna decisione definitiva».

Nella foto:
Cristian Tolettini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.