«Puntiamo sui giovani e vogliamo solo prime scelte»

Calcio Como – Parla il diesse Mauro Gibellini
Ufficiale l’arrivo di Stefano Dalla Costa come vice di mister Paolucci
Un nuovo tassello nello staff tecnico del Como edizione 2012-2013. A fianco di Silvio Paolucci, quale secondo allenatore, ci sarà Stefano Dalla Costa.
I due hanno lavorato fianco a fianco nell’ultima stagione e la società lariana ha deciso di accettare la richiesta di Paolucci, che avrebbe voluto lo stesso Dalla Costa al suo fianco.
Giovanni Colella, che inizialmente era stato designato quale vice, si concentrerà soprattutto sul progetto Berretti, anche se non è escluso un suo coinvolgimento
nel lavoro con la prima squadra.
Tutto lo staff tecnico dovrebbe essere presentato venerdì prossimo dopo che, scaduti i contratti con le precedenti squadre il 30 giugno, ora i vari componenti fanno parte a pieno titolo del Como.
Con il vicepresidente Pietro Porro, che ha la delega per la prima squadra, l’uomo di riferimento è Mauro Gibellini, nuovo direttore sportivo, che fa il punto della situazione.
«Possiamo dire che il nostro lavoro in questi giorni è intenso ma a fari spenti – spiega – L’obiettivo è costruire una squadra giovane e per questo motivo è importante la collaborazione che è stata aperta con vari club».
Gibellini parla chiaro: «Noi non vogliamo le seconde o terze scelte, ma le prime – dice – E proprio perché questi sono i giocatori più appetiti, è meglio portare avanti tutte le trattative con la massima riservatezza».
Il Como, però, giocherà in Prima Divisione, e a volte i migliori ragazzi delle squadre Primavera dei grandi club finiscono in prestito in serie A… «Questo è un dato di fatto – afferma ancora il direttore sportivo azzurro – Ma noi possiamo dare garanzie ben precise».
«Prima di tutto questa è una società seria e, credetemi – aggiunge – nel calcio di oggi non succede spesso. Noi possiamo garantire un ambiente sano e l’effettiva valorizzazione dei giocatori che peraltro potranno essere controllati da vicino dai rispettivi club».
Questo, in attesa che si sviluppi il settore giovanile del Como. «Noi ci teniamo molto – specifica Gibellini – È un punto cardine per il progetto che la nuova proprietà sta portando avanti. La prima base è quella di costruire uno staff solido, poi, con il tempo, speriamo di poter inserire nella nostra squadra anche giovani cresciuti sul Lario».
«Non è un caso – afferma il direttore sportivo – che abbia deciso di tornare a Como, proprio perché c’è un progetto su ogni fronte, con l’obiettivo di tornare in B e di riportare il vivaio ai fasti di una volta. La volontà c’è tutta.
Gibellini, in conclusione, si sofferma sul primo acquisto del nuovo Como, il portiere Alessandro Micai, classe 1993, giunto dal Palermo. «È uno dei migliori 3-4 in Italia, nel suo ruolo, fra i ragazzi della sua età. Ha grandi credenziali ed è stato un bel colpo portarlo da noi».

Massimo Moscardi

Nella foto:
Mauro Gibellini, a destra, allo stadio Sinigaglia con l’ex terzino azzurro Gigi Gozzoli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.