«Spero che la gente non interrompa la prevenzione»

L’ex presidente dell’Ordine dei medici
«È un errore, perché è stata proprio la collaborazione dei medici di base a permettere, in questi anni, di allargare la base dei pazienti vaccinati, arrivando a risultati davvero importanti». Nella veste di ex presidente dell’Ordine dei medici e fautore della vaccinazione per tutti i soggetti a rischio, Piergiuseppe Conti non può che essere in disaccordo con la decisione presa in questi giorni dal direttore generale dell’Asl di Como, Roberto Bollina.
Una decisione che, del resto, contrasta

con il modo di pensare del medico e, soprattutto, con la battaglia portata avanti con convinzione durante gli anni al vertice dell’Ordine lariano, dal 1996 al 2008, per aumentare il numero di vaccinati e perseguire l’obiettivo del 100% tra i soggetti a rischio.
«Non a caso – continua Conti – sono stato uno dei primi a suggerire l’incentivo economico per i medici di base che si fossero resi disponibili a vaccinare i propri pazienti». Un incentivo che ora scompare, per fare spazio alla vaccinazione a costo zero, mentre i medici di famiglia continueranno a garantire le vaccinazioni a domicilio, pur senza essere pagati dall’Asl.
«Sono d’accordo con la loro decisione – conclude Conti – mi auguro che la popolazione si dia da fare per ricevere l’iniezione raggiungendo i distretti oppure acquistando in farmacia la fiala, da portare al proprio medico di fiducia. Se infatti è importantissimo vaccinarsi, è altrettanto fondamentale recarsi dal dottore che ci segue da anni e conosce perfettamente la nostra storia clinica».

Alessandra D’Angiò

Nella foto:
Piergiuseppe Conti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.