«Troppe multe ai residenti del centro solo per fare cassa»

alt La denuncia del consigliere Enrico Cenetiempo (Pdl)
Multe a raffica soltanto per fare cassa. È questa l’accusa che il consigliere comunale del Pdl, Enrico Cenetiempo, rivolge alla polizia locale dopo aver raccolta una serie di lamentele da parte di residenti del centro. Sono tre le fattispecie analizzate dall’esponente della minoranza.
«Nei giorni scorsi – afferma Cenetiempo – ho avuto notizia di abitanti del centro storico che sono stati multati per essere entrati in città murata, diretti alla propria abitazione, da un varco diverso da quello assegnato in origine. Ora, è vero che se esiste un’assegnazione questa andrebbe sempre rispettata per evitare sanzioni. Ma, nei casi specifici, è andata diversamente».
In sostanza, i residenti multati avrebbero usufruito di un’entrata in città murata differente

da quella spettante per cause di forza maggiore. «Quando si trova il proprio varco inaccessibile – afferma il consigliere del Pdl – è ovvio che per raggiungere casa propria si entri da un’altra parte. Questo i vigili dovrebbero capirlo, invece gli automobilisti vengono sanzionati senza un minimo di buonsenso. Tra l’altro, non conosco nessuno che si diverta a entrare in centro dalla strada più lunga».
Secondo Cenetiempo, inoltre, il fatto è reso più grave da un altro fattore.
«Secondo gli annunci dell’amministrazione – sostiene il consigliere pidiellino – a quest’ora sarebbero già dovuti entrare in funzione i controlli con le telecamere sulle auto dei residenti in uscita dal centro storico. Questo, per controllare in via telematica che chi non ha un posto auto assegnato in città murata non si fermi più dei 45 minuti previsti dal regolamento. Invece, le telecamere per i controlli in uscita ancora non funzionano, mentre su tutto il resto vengono assegnate multe a raffica senza usare il buonsenso». Lo stesso Cenetiempo, peraltro, denuncia di «aver preso due multe in via Perti, dove è ancora regolare lasciare l’auto per svolgere funzioni istituzionali, in attesa che noi consiglieri possiamo parcheggiare nell’autosilo del Valduce. Questo, a mio avviso, è puro accanimento per fare cassa».

Nella foto:
È polemica sugli accessi in centro storico

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.