Lucini risponde a Maroni: “Tempi necessari per modifiche sostanziali”

2015_07_08_lucini Mario Lucini, sindaco di Como

<Sul fatto che il cantiere vada concluso, la penso esattamente come Maroni>. Mario Lucini, sindaco di Como, risponde al governatore della Lombardia. Maroni, nella sua lettera, ha attribuito al Comune alcune responsabilità sui ritardi. <Abbiamo impiegato il tempo necessario – dice Lucini – non voglio fare polemiche, ma il supporto tecnico atteso dalla Regione non è arrivato. Detto questo, le modifiche progettuali sono state condivise anche dal Pirellone, non si trattava di un capriccio ma di elementi sostanziali>.  Il sindaco ribadisce di scartare l’ipotesi di interrompere il cantiere. <Non ci si può fermare a metà, sia per il danno erariale sia perché avremmo un’opera incompiuta>.
La lettera di Maroni serve poi un assist all’opposizione, che interviene per voce del capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Sergio Gaddi. <Le parole di Maroni non mi sconvolgono – dice – Ho il sospetto che il governatore all’inizio della vicenda si sia fidato troppo del sindaco di Como: se fosse stato più prudente, magari, ora non dovrebbe spronare Lucini, il quale – lo ricordo – è a parer mio colpevole di questi ritardi: se avesse utilizzato la perizia già pronta il cantiere ora sarebbe a uno stadio avanzato. Invece – conclude Gaddi – il sindaco, con la terza variante al progetto, ha voluto mettere un cappello politico sulle paratie. Questi sono i risultati>.

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.