Luoghi del cuore, magro bottino: il Lario non brilla nella classifica del Fai

Villa Balbianello

Como candidata a capitale della cultura italiana? Il Lario che bussa per entrare a far parte dei beni tutelati dall’Unesco con i tesori del Razionalismo? «Ma mi faccia il piacere» direbbe Totò. Siamo ancora molto indietro stando al magro bottino totalizzato dal Lario e dai suoi monumenti e luoghi di interesse culturale, storico ed artistico nel censimento dei “Luoghi del cuore” promosso dal Fai. Lo scorso anno sono stati espressi ben 2.353.932 voti, un record nell’anno del dramma del Covid-19. La classifica vede al 1° posto la Ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza, al 2° posto il Castello e Parco di Sammezzano a Reggello (Firenze), al 3° posto il Castello di Brescia, al 4° posto la Via delle Collegiate a Modica (Ragusa) e al 5° posto l’ospedale e la chiesa di Ignazio Gardella ad Alessandria. Ma il Lario non c’è e non brilla nemmeno nella classifica lombarda dei “Luoghi del Cuore”. Contest che ha segnalato 39.500 luoghi in 6.504 comuni d’Italia. Tra i più votati in Lombardia ci sono la città di Bergamo, il Santuario della Madonna del Carmine a San Felice del Benaco, la Cripta di Sant’Eusebio a Pavia, il Complesso monumentale paesaggistico del Villaggio Morelli a Sondalo, Monteviasco nel Varesotto e la Funicolare del Campo dei Fiori a Varese. Per trovare il Lario occorre andare sul sito del Fai e imbattersi nei 627 risultati corrispondenti alla parola “Como”: il primo votato è il Castello di Asso con 1.449 voti. Luoghi simbolo della città lariana come la ex Casa del Fascio, capolavoro del Razionalismo opera di Giuseppe Terragni, si è meritata appena 22 voti (posizione in classifica numero 845), mentre ha fatto meglio con 142 voti l’ex cineteatro Politeama, in grave degrado e all’82% proprietà del Comune di Como, storica eredità di inizio XX secolo. Decisamente pochi i voti per un altro simbolo di Como come il castello del Baradello (38 voti).
Come interpretare questi segni? Disaffezione? Disattenzione? Distrazione, complice la pandemia? Di sicuro è una occasione persa, visto che al primo, secondo e terzo luogo classificato del censimento “I Luoghi del Cuore” 2020 saranno messi a disposizione da Fai e Intesa Sanpaolo, solo a fronte della presentazione di un progetto da concordare, contributi di 50mila, 40mila e 30mila euro, a cui si aggiungeranno 5mila euro extra per i due siti che hanno superato 50mila voti. Neanche con l’incentivo economico i comaschi si mobilitano per la loro cultura. Anche i due luoghi proprietà del Fai, e fiori all’occhiello dell’associazione che li protegge e li tutela, ossia Villa Balbianello a Lenno (372 voti, nella foto) e Villa Fogazzaro a Oria (79 voti) sono nelle retrovie.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.