Cronaca

«Vattene di casa o chiamo i calabresi» Condannato a sei mesi

MARIANO COMENSE
(m.pv.) Mostrando una pistola tenuta nella cintola è entrato nella casa dell’inquilino della figlia per convincerlo ad andarsene. L’ha minacciato: «Mia figlia ha sbagliato, noi in Calabria non procediamo con i legali, entro sabato te ne devi andare o ti mando i miei compaesani». Poi, nello stringergli la mano in modo provocatorio, ha volutamente forzato la presa causando lesioni al polso e al gomito giudicate guaribili in 8 giorni. Un 62enne di Mariano Comense è così finito a processo a Como rimediando una condanna a 6 mesi in Abbreviato per l’esercizio arbitrario delle proprie ragioni (più 2.500 euro di risarcimento). I fatti risalgono al 18 gennaio del 2013.

15 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto