«Zona a burocrazia zero avanti tutta». Roberto Maroni conferma l’impegno per semplificare la vita delle imprese

altIl convegno a Cernobbio
Il presidente della Lombardia ieri all’assemblea di Unindustria
Avanti tutta con la zona a burocrazia zero. A suonare la carica è il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, ieri mattina a Villa Erba di Cernobbio per l’assemblea generale di Unindustria Como. «Proseguiamo con il progetto nato proprio qui lo scorso ottobre. È un piano complesso che potrà aiutare le imprese, soprattutto quelle attive nelle fasce di confine dove esiste una forte concorrenza straniera». Come per il territorio lariano che deve fare i conti con l’efficienza della vicina Svizzera.
L’impegno è ormai

costante da diversi mesi. «La semplificazione è un tema vitale per le aziende – spiega Maroni – Abbiamo fatto eseguire da un esperto indagini in merito, ed entro la fine della settimana presenteremo i risultati e le iniziative concrete per realizzare le zone a burocrazia zero».
E proprio le difficoltà degli imprenditori in lotta con la crisi e con una macchina statale troppo complessa hanno caratterizzato i discorsi all’assemblea di Villa Erba. «L’impresa è un luogo positivo dove lavorare – ha detto il presidente degli industriali comaschi, Francesco Verga – Abbiamo bisogno, per farla crescere, di eliminare gli ostacoli come l’eccessiva burocrazia, il fisco asfissiante, gli alti costi dell’energia, i ritardi nei versamenti da parte della pubblica amministrazione».
Sbloccare i pagamenti dell’apparato statale è, appunto, uno dei nodi irrisolti. «Non in Lombardia – ha precisato Maroni – dove nei primi 4 mesi del 2014 i conti sono stati saldati, in media, in 17 giorni. Dunque, volendo, si può semplificare. Bisogna sapersi organizzare. La nostra regione ha 10 milioni di abitanti e 3mila dipendenti contro i 30mila della Sicilia. Il nostro è un modello da seguire».
Il presidente della Lombardia ha rilanciato anche «l’iniziativa, in corso in consiglio regionale, di un referendum per trasformare la Lombardia in regione a statuto speciale. Avremmo così l’enorme vantaggio di poter trattenere il 100% della tasse pagate, ovvero fino a 20 miliardi l’anno». Inevitabile parlare del patto di stabilità che «costringe molti sindaci virtuosi della Lombardia a non poter utilizzare ben 8 miliardi di euro. A Como sono fermi nelle casse, per lo stesso motivo, 10 milioni di euro».
Ultimo tema decisivo – richiesto a gran voce anche dagli industriali – un sistema infrastrutturale all’altezza, rapido ed efficiente. «Entro il 2014 – ha detto Maroni – termineremo i primi lotti della tangenziale di Como e Varese. I lavori di Pedemontana previsti prima di Expo saranno conclusi. La Brebemi verrà inaugurata il 23 luglio, in anticipo sul crono-programma. Sulla Tremezzina puntiamo, come detto dal ministro Maurizio Lupi, ad avere quanto prima tempi certi e risorse».
Un ultimo passaggio sul cantiere delle paratie a Como, per il quale il governatore Maroni ha ribadito l’impegno a «fare la nostra parte per concludere l’opera. Dopo, se emergeranno ritardi e responsabilità, provvederemo ad accertarle».

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
L’arrivo di Roberto Maroni a Villa Erba, dove si è svolta l’assemblea degli industriali comaschi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.