«Ma spesso le difficoltà finanziarie non evitano la fine di una coppia»

L’avvocato Mirella Quattrone
«Le difficoltà economiche spesso non riescono a rallentare o a frenare un divorzio. L’insofferenza o l’incapacità di sopportare l’altra persona porta comunque a separarsi, anche se i due nuovi nuclei familiari saranno molto più poveri». È il fenomeno delle separazioni e dei divorzi dal punto di vista di Mirella Quattrone, noto avvocato divorzista del capoluogo lariano. «Per quel che riguarda le spese – spiega la giurista – i costi dei divorzi sono sicuramente più contenuti, rispetto a quelli delle separazioni. Questo perché il divorzio ha già come base d’accordo la separazione, a meno che nel frattempo siano intervenute modifiche sostanziali. Si tratta solo di regolarizzare la posizione della moglie. Ho notato – continua il legale comasco – una forte attenzione alla tutela del patrimonio: a volte, le persone divorziano non tanto per avere la possibilità di rifarsi una nuova famiglia, ma per escludere l’altro dal proprio patrimonio, poiché col divorzio si perde il diritto all’eredità. Non si nota nemmeno un aumento dei matrimoni in seguito ai divorzi: questo significa che le persone vanno a convivere senza alcun tipo di accordo e, quindi, senza alcuna garanzia reciproca».
Infine, i tempi. Che possono essere molto rapidi o biblici, a seconda della tipologia del divorzio. «Per un divorzio consensuale, quando le persone presentano domanda congiuntamente, servono dai 4 ai 6 mesi. Per il divorzio giudiziale, invece, siamo attorno ai due anni e mezzo».

Nella foto:
Mirella Quattrone

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.