Cronaca

Ma sul fronte della bonifica arriva la tegola: «Nuovo amianto da smaltire, lavori anche nel 2014»

alt Il risanamento del sottosuolo

(e.c.) Mentre la trattativa con i privati della Multi si avvicina alla stretta finale, il fronte della bonifica del sottosuolo dell’area Ticosa deve registrare un altro intoppo. Nel corso dell’ultima fase di controlli e collaudi di quanto svolto finora, infatti, è stata rinvenuta una nuova zona inquinata anche da parti di amianto. Si tratta della cosiddetta “Cella 3”, ossia l’area davanti alla Santarella, dove un tempo era il parcheggio a pagamento. «Abbiamo stanziato circa 300mila euro per

eseguire questa nuova operazione – afferma l’assessore all’Ambiente, Bruno Magatti – Purtroppo è la conferma che nel sottosuolo di aree industriali così ampie si possono sempre trovare sorprese negative. Comunque i lavori di asportazione del terreno inquinato, dove è stata rilevata anche una percentuale di amianto, scenderanno fino a 3 metri di profondità. Poi, esattamente come avvenuto finora per le altre zone trattate, il materiale recuperato verrà smaltito con identiche modalità».
Inutile dire, però, che anche in considerazione dell’imminente periodo delle festività natalizie le operazioni di bonifica non si chiuderanno entro quest’anno come auspicato all’inizio dell’autunno.
«I lavori, che peraltro saranno eseguiti ancora dalla Autotrasporti Pensiero, che finora ha agito bene – conferma l’assessore all’Ambiente – proseguiranno nelle prime settimane del 2014. Naturalmente nella speranza, supportata comunque anche dai dati in nostro possesso, che non ci si imbatta di nuovo in altre sorprese negative».
Un accenno non casuale, questo, poiché anche sul lato opposto della “Cella 3”, ovvero nello spazio antistante la Santarella, verso via Sant’Abbondio, è stata recentemente rinvenuta una parete di cui prima non si aveva notizia. «La superficie, però, in questo caso è molto piccola – sottolinea Bruno Magatti – quindi non crediamo possa celare chissà quali problemi». Per quanto riguarda le operazioni condotte finora, comunque, l’assessore all’Ambiente evidenzia che «il lavoro di bonifica è ormai concluso all’80-90%, quindi ormai stiamo parlando davvero della fase finale dei lavori».

Nella foto:
Sotto l’area antistante la Santarella è stata rinvenuta una nuova fascia di terreno inquinato
24 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto