“Madonna di Foligno”, ultime ore

L’evento a Palazzo Marino
Ultime ore per ammirare a Palazzo Marino di Milano, in Sala Alessi, la “Madonna di Foligno” di Raffaello (nella foto, un particolare). La Pala, che rappresenta la Vergine Maria con Gesù Bambino in gloria tra San Giovanni Battista, San Francesco d’Assisi e San Girolamo, era nella chiesa di Santa Maria in Aracoeli a Roma.
La figura centrale della Madonna col Bambino, incorniciata da un disco arancione sostenuto da una nuvola di angeli, domina la scena. Sulla destra in basso, fra i vari santi, si nasconde la figura di Sigismondo de’ Conti, segretario di Papa Giulio II. Sigismondo aveva commissionato l’opera all’artista marchigiano quando la sua casa era rimasta illesa dopo esser stata colpita da un fulmine. Dove Sigismondo fu sepolto, finché nel 1565 una sua nipote, monaca, la fece trasferire a Foligno, nel monastero di Sant’Anna. E lì è rimasta fino a quando venne rastrellata durante l’occupazione francese nel 1797 e portata a Parigi.
Col Trattato di Tolentino tornò in Italia nel 1816, ma il pontefice Pio VII decise di trattenerla a Roma, ai Musei Vaticani. Adesso la “Madonna” di Raffaello è esposta nella sede del Comune di Milano, dove sono corsi ad ammirarla anche molti comaschi. La mostra resta aperta fino a domani e la visita è gratuita. “La Madonna di Foligno” di Raffaello è per la prima volta a Milano dai Musei Vaticani. Per il 6° anno consecutivo, Comune di Milano ed Eni proseguono la tradizione di esporre gratuitamente un unico capolavoro a Palazzo Marino, quest’anno in collaborazione appunto con i Musei Vaticani. Nel 2012 l’esposizione dedicata ad “Amore e Psiche” è stata la mostra più visitata d’Italia. Orario 9.30-20.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.