Madre e figlia rapinate nel parcheggio. Condannato a due anni e mezzo

Fuori da un ristorante di Tavernerio
(m.pv.) Due anni e mezzo (più 600 euro di multa) per la rapina andata in scena nel luglio del 2012 all’esterno di un ristorante di Tavernerio. Quel giorno, un 32enne di Albese con Cassano aggredì madre e figlia (di 59 e 28 anni) e una terza persona, dopo essere stato sorpreso all’interno dell’auto delle donne che in quel momento stavano uscendo da un ristorante. L’uomo colpì la 28enne con due pugni al volto, e poi armato di cacciavite ferì alla schiena l’uomo sopraggiunto in soccorso. Sul posto, nel frattempo, giunsero le volanti della Questura che arrestarono il rapinatore. L’uomo ieri si è presentato in aula per difendersi e ha raccontato la sua versione dei fatti, ovvero che aveva scambiato l’auto di madre e figlia per quella di un suo amico e che, una volta viste le due donne, si era spaventato e aveva reagito. Una giustificazione che il collegio non ha accolto: così, alla fine, è giunta la condanna a due anni e sei mesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.