Magatti alle primarie. «Il Pisapia di Como»

La competizione nel centrosinistra
La corsa alla poltrona di sindaco si arricchisce di un nuovo protagonista. Ieri mattina il consigliere Bruno Magatti ha presentato la propria candidatura alle primarie del centrosinistra. Obiettivo finale: conquistare Palazzo Cernezzi. Per sostenere questo progetto è nato un comitato di cui fanno parte Paco (Progetto per amministrare Como), Sinistra Ecologia Libertà e con ogni probabilità anche il Psi che scioglierà la riserva venerdì. Ieri mattina, comunque, alla presentazione della candidatura, era presente anche il consigliere comunale del Psi, Vincenzo Sapere, che ha lodato le qualità di Magatti.

«Ho accettato la richiesta che mi è stata fatta e sono qui. Non ho alcuna intenzione di fare il comprimario – ha subito precisato Bruno Magatti – Stimo Mario Lucini e Gisella Introzzi (due tra gli altri nomi del centrosinistra in lizza per le primarie del 27 novembre) ma io vado diritto per la mia strada. Punto a mettere in primo piano i problemi reali della gente. E mi batterò per la rinascita di una città che sta sempre più sprofondando».
I sostenitori sono ovviamente già all’opera per raccogliere le 250 firme necessarie per partecipare. «La forza e la coerenza dei pensieri ne fanno un candidato ideale, in grado di animare un movimento aperto ai cittadini – dice Paolo Sinigaglia del Comitato pro-Magatti – Ha la forza delle idee e la mitezza dei modi. Assomiglia in questo a Pisapia». Nessuna indicazione è arrivata da parte di Magatti su come si comporterà, politicamente, qualora dovesse uscire sconfitto dalle primarie del centrosinistra.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Bruno Magatti si era candidato a sindaco di Como anche nel 2007 (Baricci)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.