Magnate russo arrestato mentre era in auto in centro a Como

Lago di Como visto da Piano Rancio

Un magnate russo è stato arrestato ieri pomeriggio dalla Polizia di Stato mentre si trovava in auto centro a Como. La notizia è stata data oggi dal Corriere della Sera. L’uomo, ricercato nel Paese d’origine, sarebbe un oppositore di Vladimir Putin e la vicenda appare quindi assai delicata.

L’accusa mossa al magnate è quella di aver “sottratto 40 mila euro”, davvero un granello di polvere per un milionario. “E’ stato come smuovere l’Interpol per arrestare un italiano autore di uno scippo in vacanza all’estero”, ha detto il suo legale intervistato dal Corriere della Sera. L’avvocato si oppone all’estradizione che avrebbe “l’odore della persecuzione politica”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.