“Majorana”, anteprima mondiale al  Sociale. Le foto della serata
Cultura e spettacoli, Spettacoli, Territorio, Vip

“Majorana”, anteprima mondiale al Sociale. Le foto della serata

Consueta parata di Vip ieri sera nel foyer del Teatro Sociale di Como in piazza Verdi, per l’attesa prima mondiale dell’opera lirica Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse. Che potrebbe diventare anche un dvd, secondo un’indiscreazione dietro le quinte. Un’opera interamente creata, dalla stesura del libretto, alla composizione musicale, alla regia, da professionisti under 35. Molta sobrietà nelle mises delle signore, con qualche concessione, ma senza esagerare, a tessuti floreali, paillettes ed effetti glitter, e prevalenza di tonalità pastello negli abiti lunghi (grigio, blu e verde soprattutto). Nota di demerito, nella città della seta, l’assenza in più di un caso di cravatte nel pubblico maschile.

Un peccato perché l’opera era come detto in prima mondiale, frutto di un lavoro sinergico tra il compositore Roberto Vetrano e il librettista Stefano Simone Pintor, che non a caso qui firma anche la regia in un continuum culturale unico. «Abbiamo lavorato insieme fin dal primo momento – ha detto Vetrano – Mentre io immaginavo le situazioni sonore già si andavano formando i testi e le soluzioni registiche».

«Abbiamo rispettato – ha detto Stefano Simone Pintor – lo spirito di Ettore Majorana, se il grande fisico fosse stato tra noi nel pubblico avrebbe apprezzato anche l’uso di moderne tecnologie digitali nell’allestimento».

Il prefetto Bruno Corda, che ha potuto vedere in anteprima l’opera con Giulio Casati, coordinatore scientifico della Fondazione Volta, ha ricordato che il grande fisico Ettore Majorana è stato «un grande italiano, la sua prematura e improvvisa scomparsa piena di misteri». Tra i Vip presenti anche il procuratore Nicola Piacente, il questore Giuseppe De Angelis, il prorettore dell’Insubria Giuseppe Colangelo.

Assente il sindaco Mario Landriscina, per un legittimo impedimento istituzionale, c’erano ben cinque assessori in rappresentanza della giunta di Como: «Siamo emozionate, com quando abbiamo iniziato l’avventura a Palazzo Cernezzi», hanno detto Amelia Locatelli ed Elena Negretti (con un grintoso soprabito di pelle nero). Con loro Marco Galli, Marco Butti e Adriano Caldara. E una presidente del consiglio comunale Anna Veronelli con schiena in bella vista, nel suo elegante abito nero. Il notaio Francesco Peronese, presidente dei Palchettisti proprietari del Teatro Sociale più che bicentenario, ha sottolineato: «Abbiamo osato con quest’opera modernissima, e siamo stati ripagati. Siamo riusciti a fare qualcosa che può piacere a tutti». A riprova, ieri per la prima c’erano molti giovani in platea per un quasi “tutto esaurito”, c’erano liberi solo una ventina di posti nell’ultima fila delle gallerie.

Da parte sua Barbara Minghetti era alla sua ultima “prima” come presidente dell’As.Li.Co.: «Finalmente un’opera contemporanea al Sociale – ha commentato – Credo sia stato importante presentare un progetto condiviso con tutta la città, con cui abbiamo lavorato molto per presentare la nuova opera in vari momenti culturali, fin dalla primavera». «Raccoglierò il testimone nel rispetto della tradizione», ha detto Fedora Sorrentino, che ne prenderà il posto a metà ottobre.

 

29 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto