Malattie del fegato, nuovo ambulatorio a Cantù

L'ospedale Sant'Antonio Abate di Cantù

In attesa del nuovo blocco operatorio, che è in dirittura d’arrivo e dovrebbe essere consegnato in primavera ed essere attivato nei mesi successivi, l’ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù offre un nuovo ambulatorio di epatologia, che è pertanto dedicato esclusivamente al trattamento delle malattie del fegato.
Il servizio è stato presentato ieri in occasione della tradizionale festa del santo patrono del presidio della Città del Mobile.
Un’occasione per fare il punto sull’attività del presidio, che fa capo all’Asst Lariana.
Nel corso del 2017, al Sant’Antonio Abate sono aumentati in maniera significativa i ricoveri di pazienti sub-acuti e le degenze nel reparto di riabilitazione cardiorespiratoria.
Segno positivo anche per le prestazioni di radiologia, mentre sono in leggero calo gli interventi chirurgici.
I vertici dell’Asst Lariana insistono sul ruolo cruciale per l’azienda del presidio di Cantù.
Come ha dichiarato Marco Onofri, direttore generale dell’Asst Lariana, «Cantù è nel nostro cuore fin dall’inizio, ci abbiamo lavorato tanto e ha dato ottimi risultati lo scorso anno, ha dimostrato di essere un ospedale davvero attivo propositivo e concretamente importante per la nostra azienda sanitaria».
«Il nuovo blocco operatorio sarà consegnato entro primavera e subito dopo lo allestiremo» ha confermato Onofri a proposito della nuova struttura.
Ed è già realtà invece come detto l’ambulatorio di epatologia, coordinato dal primario di medicina Eugenio Limido e rivolto a tutte le persone con patologie del fegato. Gli specialisti collaborano strettamente con i colleghi del Sant’Anna. Per completare l’offerta, manca solo la disponibilità di un fibroscan, strumento che ancora non è in dotazione della struttura.
«Il nuovo ambulatorio si rivolge a tutta la popolazione di Cantù, vi si accede semplicemente con la prenotazione. Le patologie più frequenti sono le epatiti e le cirrosi» ha detto ieri Ombretta Spinelli, responsabile dell’ambulatorio di epatologia canturino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.