Maltempo, allarme Coldiretti, a rischio frane l’84% del Lario

frana in via della Libertà strada per Rovenna

Nelle due province lariane i comuni con potenziale rischio idrogeologico medio alto sono oltre l’84% del totale: in dettaglio, l’84,8% nel Comasco e l’86,4% nel Lecchese (un dato più alto della media lombarda dell’84,4%).

È quanto afferma Coldiretti Como Lecco, in base a un’analisi su dati Ispra, in occasione dell’ondata di maltempo che in questi giorni interessa il territorio delle nostre province e, con esso, tutta la fascia pedemontana lombarda: pesanti inversioni termiche, fenomeni alluvionali, smottamenti e grandine stanno flagellando il territorio da giorni, provocando disagi all’intera collettività. Su un territorio più fragile – sottolinea la Coldiretti interprovinciale – si abbattono con maggior violenza precipitazioni sempre più intense e improvvise, che causano gravi danni alle campagne, ai centri abitati e all’ambiente.

Secondo un monitoraggio della Coldiretti su dati dell’European Severe Weather Database (ESWD), in Italia  il mese di giugno è stato segnato finora da 48 eventi estremi tra violenti temporali, grandine e bufere di vento, quattro volte superiori allo stesso periodo dello scorso anno (+336%). L’agricoltura è investita direttamente dal problema: “Purtroppo siamo in balìa degli effetti legati ai cambiamenti climatici – sottolinea il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi – Le imprese agricole, molto più che in passato, non hanno più la certezza di poter raccogliere i frutti del loro lavoro, dal taglio del fieno, alla produzione di orticole, come pure i vigneti”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.