Maltempo, è arrivata la neve anche a bassa quota

© | La neve questa mattina a Cernobbio

Non solo oltre i 700 metri come annunciato ieri dalla Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, ma anche a bassa quota. La neve ha iniziato a cadere questa mattina, pur senza creare al momento disagi alla circolazione stradale.

Il rischio neve dalla mezzanotte di ieri a oltre 700 metri di altitudine con un comunicato di “ordinaria criticità” e “codice giallo” valido anche per le prealpi comasche e lecchesi era stato dato dal Pirellone.

Le precipitazioni dovrebbero in ogni caso esaurirsi oggi pomeriggio. Per sabato sono previste condizioni di instabilità e il limite della neve potrebbe scendere a 500 metri, poi in risalita.

Da domenica 25 febbraio, poi, la massa di aria gelida proveniente dall’Artico in arrivo sull’Europa Centro-Occidentale e parte del Mediterraneo darà inizio anche sulla Lombardia a una fase invernale definita “acuta e anomala”, caratterizzata da temperature fortemente inferiori alla media climatologica. Secondo le previsioni del Servizio Meteorologico Regionale di Arpa Lombardia, domenica le temperature subiranno un brusco calo di circa 5-7°C rispetto a sabato, con valori massimi in pianura prossimi ai 3°C, a inizio giornata, e diffusamente inferiori a 0°C a fine giornata. Possibili anche raffiche di vento da Est e veloci e deboli nevicate sui rilievi alpini e appenninici.

Tra lunedì 26 e mercoledì 28 i valori termici durante la notte e al primo mattino si assesteranno diffusamente intorno ai -10/-5°C sulle zone pianeggianti, mentre su Alpi e Appennino sono previsti valori localmente intorno a -15°C a 1000 metri di quota. Durante il giorno gli estremi termici massimi rimarranno intorno a 0°C in pianura e al di sotto su tutti i rilievi. La giornata più fredda appare al momento quella di martedì 27, con valori previsti per alcune città lombarde pari a: Milano -5°C / 0°C; Pavia -6°C / 0°C; Bergamo -7°C / -1°C; Mantova -6°C / 1°C; Sondrio -10°C / -4°C.

 

Il freddo anomalo dovrebbe perdurare almeno fino a domenica 4 marzo, con valori attesi al di sotto delle medie climatologiche di circa 8-12°C.  Non sono previste precipitazioni di rilievo fino a mercoledì, da giovedì 1 marzo aumenterà il rischio di neve a quote molto basse a causa del possibile arrivo di aria atlantica relativamente più mite, che scalzando gradualmente l’aria fredda preesistente dovrebbe portare a una maggiore presenza di nubi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.