Manager indagato in Calabria

Sospetta truffa

(a.cam.) Il direttore di presidio dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, Antonino Orlando, è coinvolto in un’inchiesta per truffa e falso della Procura di Catanzaro, in Calabria. L’indagine è legata a presunte irregolarità nella nomina del direttore dell’azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, avvenuta all’inizio del 2013.
Orlando è tornato a Como da alcune settimane dopo un’assenza di circa 3 anni durante la quale ha lavorato in Calabria, al dipartimento

regionale della salute. Proprio durante il suo servizio nella regione del Sud è avvenuta la nomina sulla quale la Procura vuole vedere chiaro.
Un lungo passato da dirigente di Asl e Sant’Anna, Antonino Orlando ha ottenuto nuovamente l’incarico di direttore di presidio del Sant’Anna, lo stesso ruolo che aveva lasciato nel 2010.
Nell’ambito dell’inchiesta che lo vede coinvolto in Calabria, Orlando ha già fornito nei mesi scorsi la sua versione dei fatti al magistrato titolare dell’indagine ed è ora in attesa di una decisione del gip. Nell’attesa, ha accettato l’incarico di direttore a Como, che sta svolgendo regolarmente. Al momento infatti non risulta alcun provvedimento nei suoi confronti al Sant’Anna. Lo stesso gip calabrese dovrà pronunciarsi in particolare su una richiesta di interdizione dai pubblici uffici avanzata contro Orlando. La decisione arriverà probabilmente il prossimo anno, forse entro la fine di gennaio. Nell’attesa, il manager continuerà a svolgere il suo incarico a San Fermo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.