Mancano infermieri e operatori all’ospedale Sant’Anna

Ospedale Sant' Anna

2014_11_21_sant'anna_ospedaleAll’ospedale Sant’Anna mancano infermieri e operatori sociosanitari. Il personale dei reparti di area medica ha chiesto un incontro urgente, al centro la grave carenza di organico e il rischio – concreto – di problemi nell’assistenza ai pazienti.
Le difficoltà sono state messe nero su bianco dai dipendenti del dipartimento di Medicina del presidio di San Fermo (che raggruppa le unità operative di Cardiologia, Nefrologia, Chirurgia vascolare e Dermatologia) i quali hanno segnalato una situazione “insostenibile”.
<Il personale infermieristico e gli operatori socio sanitari sono insufficienti rispetto al carico di lavoro da svolgere in reparto – si legge nel documento – sempre più spesso il personale è sottoposto a turni che non rispettano riposi, lavorando con un numero di presenze minime rispetto alle reali necessità del reparto>. Una situazione che rischia di avere ricadute sui pazienti. <Le prestazioni possono essere qualitativamente inadeguate, a volte frettolose e ad elevato rischio di errore – dicono ancora gli operatori – >. La situazione – figlia secondo i dipendenti di mancate sostituzioni di trasferimenti, pensionamenti, maternità – è già stata segnalata anche alla Direzione aziendale professioni sanitarie, ma non è stato preso alcun provvedimento.
Per far fronte ai disagi sono state messe in atto soluzioni tampone. <Nei mesi scorsi siamo stati disponibili al blocco momentaneo delle ferie – viene chiarito dai lavoratori -> un tema, quello delle ferie, che, con l’estate alle porte, potrebbe risultare complesso da gestire. <La criticità esiste ed è nota – ha confermato il direttore generale dell’azienda ospedaliera, Marco Onofri – stiamo valutando possibili soluzioni per intervenire in tempi rapidi e dare risposte alle carenze di organico>. <Il gruppo infermieristico non ha torto a rilevare problematiche legate all’organico – sottolinea il numero 1 di via Ravona che ha aggiunto <Venerdì abbiamo ricevuto dalla Regionale indicazioni sulle possibilità o meno di assumere per il 2015, si tratta di regole che prevedono tetti di spesa e criteri di intervento che stiamo analizzando>. Una prima risposta dovrebbe dunque arrivare in tempi brevi. <Il problema è oggettivo – chiude il direttore generale – la settimana prossima e la successiva avremo due riunioni in Regione per confrontarci>.

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.