Maradona: Klopp, avremmo potuto aiutarlo di più da vivo

Tecnico Liverpool: "Meritava più rispetto e meno selfie"

(ANSA-AFP) – LIVERPOOL, 27 NOV – La vita di Diego Maradona riassume bene alti e bassi di un calciatore di fama mondiale. E’ il pensiero di Jürgen Klopp, che si è anche chiesto, con rimpianto, se non sarebbe stato possibile fare di più per lui mentre era in vita, per aiutarlo a combattere i suoi demoni. Maradona è morto mercoledì all’età di 60 anni per un attacco di cuore, dopo una lunga lotta con l’alcolismo e la tossicodipendenza. Il tecnico del Liverpool ritiene che tutto questo amore dimostrato dopo la morte avrebbe potuto aiutare Maradona a prevenire tutti i suoi eccessi quando era ancora in vita. "La sua vita mostra quanto può essere bello quando sei un calciatore di livello mondiale e quanto tutto può però anche essere difficile", ha detto Klopp. "L’ho incontrato una volta e, per un giocatore del mio livello, è stato come incontrare il Papa. E’ stato davvero speciale", ha ricordato. "Mancherà al calcio, mi mancherà. E quando assisto alle reazioni causate dalla sua scomparsa in giro per il mondo, mi dico che se gli avessimo dimostrato il nostro amore quando era ancora con noi, senza provare a fare un selfie, ma solo mostrandogli il rispetto che meritava, penso che avremmo potuto aiutarlo". (ANSA-AFP).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.