Marcato pronto per la spedizione olimpica. «Voglio sentir suonare l’Inno di Mameli»

Canottaggio – È massaggiatore della Nazionale italiana
«Per me è la più bella soddisfazione della carriera. Prima era stata la promozione del Como dalla serie C2 alla C1, pochi anni fa, ma nulla in confronto a quello che sta per accadere». Parole di Giovanni Marcato, 48 anni, massiofisioterapista che si prepara a partire per le Olimpiadi di Londra al seguito della Nazionale di canottaggio.
Da anni, infatti, Marcato fa parte dello staff medico dell’Italia del remo e con emozione mostra il messaggio di posta elettronica in cui sono spiegati gli
orari del volo per Londra. La partenza è fissata per il prossimo 24 luglio da Linate.
«Non posso nascondere la mia gioia – sostiene ancora il massaggiatore lariano – anche perché sarò in prima linea all’evento sportivo più importante che c’è. E lo faccio con orgoglio, con la voglia di poter portare un tassello a chi rappresenterà i colori dell’Italia a Londra».
Perché Marcato è uno che crede a questi valori. «La cosa bella del partecipare a queste grandi manifestazioni internazionali – spiega ancora – è il fatto di dare il massimo per i colori azzurri, con l’obiettivo di vedere la bandiera tricolore sul pennone più alto e di sentire l’Inno di Mameli suonare in una kermesse in cui si confrontano i migliori atleti del mondo».
A “convocare” Marcato è stato il professor Antonio Spadaro, responsabile sanitario della Nazionale. Con sé il comasco porterà la borsa personale, con due riferimenti importanti: il massaggiatore ha infatti fatto stampare i nomi di Matteo Campana e di Ilyass Achab. Il primo è il motociclista comasco scomparso il 3 luglio del 2001 a Tavernola. Il secondo è il bimbo travolto e ucciso da una vettura lo scorso anno a Nesso. Suo papà è un canottiere.
La collaborazione con la Federazione Canottaggio è iniziata tre anni fa dopo quella con l’undici volte campione del mondo del remo Daniele Gilardoni. «Considero questa chiamata un premio per me – conclude Marcato – e per tutte quelle persone che lavorano a testa bassa per consentire agli atleti di dare il meglio. E speriamo davvero che da questi giochi giungano tante soddisfazioni per il nostro Paese».
La prossima settimana, peraltro, a Varese, prima della partenza per l’Inghilterra, sarà presentata ufficialmente la spedizione del remo per Londra, che avrà a capo il bellagino Enrico Gandola, presidente della Federazione. A livello di atleti, il Lario sarà rappresentato da Daniele Danesin, Claudia Wurzel, Sara Bertolasi e Pietro Ruta (riserva nei Pesi leggeri).

Massimo Moscardi

Nella foto:
Il massaggiatore cermenatese Giovanni Marcato (a sinistra) con Rossano Galtarossa, icona del canottaggio tricolore. Entrambi saranno alle prossime Olimpiadi di Londra, che scattano fra pochi giorni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.