Marcello Nicchi a tutto campo alla festa dei 90 anni dell’Associazione italiana arbitri di Como
Associazioni, Sport

Marcello Nicchi a tutto campo alla festa dei 90 anni dell’Associazione italiana arbitri di Como

Un Marcello Nicchi che ha parlato senza troppi giri di parole, con schiettezza molto toscana, alla festa per i 90 anni della sezione Aia di Como, andata in scena ieri a Erba al Castello di Casiglio. Con il presidente Matteo Garganigo a fare gli onori di casa, il presidente nazionale dei direttori di gara, è intervenuto prima al convegno Arbitri in campo e nelle scelte quotidiane: storie di uomini che decidono ogni giorno, poi nel corso della cena seguita all’incontro.

Marcello Nicchi prima di tutto si è soffermato sui fatti di violenza contro gli arbitri. «Un tarlo che rode – ha detto –  I ragazzi non possono essere mandati al massacro. Negli anni abbiamo ridotto gli episodi di violenza ma non li abbiamo estirpati. Dopo un brutto episodio abbiamo bloccato le partite nel Lazio e siamo pronti, se servisse, a fermare la serie A. Ma vorrebbe dire che abbiamo perso tutti».

Poi ha fatto riferimento a un recente episodio. «Dagli attori devono arrivare esempi positivi. I ragazzini esultano come Dybala o Ronaldo, guardano ai calciatori più importanti. Cosa posso avere pensato quando ho visto Higuain, durante Milan-Juventus, tenuto fermo da 5 compagni di squadra dopo una decisione dell’arbitro?».

Nicchi con orgoglio ha poi parlato dell’associazione: «L’Aia fa cultura ed è una scuola di vita. Un fiore all’occhiello non solo in Italia ma in tutto il mondo. Il nostro è un grande”ministero” cresciuto sotto tutti i punti di vista. Purtroppo c’è chi cerca di metterci le mani o di sciupare questa bellezza. Mi chiedo perché ci sono malati di mente  (ha detto proprio questo, testualmente n.d.r.) che vogliono darci fastidio. Dopo lo schifo di “calciopoli” (pure questa  è una citazione testuale, n.d.r.) con il mio avvento abbiamo difeso l’autonomia tecnica. Non ci volevano nel Consiglio federale, ma ci siamo. Il commissario straordinario della Figc non voleva andarsene, ma abbiamo lottato per avere le elezioni, le abbiamo ottenute e ora c’è un presidente che, ne sono sicuro, farà bene».

Questo durante il convegno. Poi Marcello Nicchi a fine serata ha portato il suo saluto ai dirigenti della sezione Aia di Como e ai tanti arbitri di oggi e di ieri presenti. Tra loro Emilio Ostinelli, già direttore di gara in serie A, lo svizzero Francesco Bianchi, osservatore dei fischietti per conto della Uefa e il procuratore capo di Lecco Antonio Angelo Chiappani.

«Credete in questa avventura che non finisce mai – è stato il discorso conclusivo – Siate positivi e non guardate a chi porta negatività. Noi rappresentiamo la legalità, e chi non ama gli arbitri non ama la legalità. Un po’ come le persone che non amano i carabinieri perché fanno rispettare le regole. Sono stato felice di vedere tanti giovani che rappresentano il loro futuro. Spero di rivederli alla festa dei 100 anni di questa sezione fra 10 anni; magari qualcuno di loro, come spero, sarà arrivato ad alti livelli. Ricordatevi che la gente affolla i negozi in cui si trova bene; e se qui siete in tanti è perché effettivamente questa è prima di tutto una scuola di vita. Un grazie, infine, ai presidenti di sezione e al vostro, Matteo Garganigo, per l’impegno che mettono. Spesso ci segnalano problemi da risolvere, ma molto più spesso sono loro ad aiutare noi a trovare una soluzione».

 

 

 

 

22 Novembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto