Marco Butti a Stefano Legnani: «Convocare i vertici di Trenord»

L’odissea dei pendolari
Il consigliere comunale denuncia nuovi disservizi delle ferrovie
L’odissea dei pendolari lariani che utilizzano quotidianamente i treni appare infinita e a Como il consigliere comunale dell’opposizione Marco Butti sollecita l’intervento del presidente della commissione Trasporti di Palazzo Cernezzi, Stefano Legnani, perché convochi i vertici di Trenord. Nei giorni scorsi, alla ripresa dopo le festività natalizie, i viaggiatori lariani si sono trovati a fare i conti con nuovi ritardi e corse soppresse.

La richiesta di convocare i vertici di Trenord era già stata avanzata dall’ex capogruppo del Pdl, oggi esponente del neonato gruppo Fratelli d’Italia, nell’autunno scorso. Il tema, però, non è mai stato affrontato dalla commissione II e Butti nelle scorse ore è tornato a sollecitare la convocazione dei responsabili delle ferrovie perché spieghino i motivi dei continui disagi.
«La prima richiesta nacque alla luce della disastrosa ultima settimana di agosto 2012, durante la quale vi furono parecchi ritardi e soppressioni, nonostante ci si trovasse in un periodo relativamente calmo – scrive Marco Butti nella nuova mail inviata a Legnani – La stessa richiesta fu avanzata dopo il monitoraggio dei successivi disservizi che caratterizzarono la linea Como-Milano Cadorna. Fino a inizio dicembre infatti si verificarono alcuni ritardi “importanti”».
La situazione non è cambiata con il nuovo anno. Butti tiene una sorta di diario dei disservizi nel quale si legge, per citare qualche esempio: 5 gennaio 2013, ritardo di 27 minuti del treno previsto a Fino Mornasco in direzione Como alle 7.22; 8 gennaio 2013, guasto al treno delle 7.17 da Como Lago in direzione Cadorna, con conseguente soppressione dello stesso e ritardi per il 7.36 e 7.46; 8 gennaio 2013, ritardo di 25 minuti per il treno delle 8.39 da Milano Porta Garibaldi in direzione Chiasso; 8 gennaio 2013, ritardo di 10 minuti per il treno delle 18.16 da Como Lago in direzione Cadorna; 9 gennaio 2013, guasti ripetuti al treno delle 7.17 da Como Lago in direzione Cadorna, con conseguente ritardo di 25 minuti; 9 gennaio 2013, ritardo di 20 minuti per il treno delle 7.36 da Como Lago in direzione Cadorna, a causa del problema al treno precedente.
«Credo che in 9 giorni dall’inizio del 2013 già solo questi ritardi possano ampiamente bastare per procedere con l’immediata convocazione dei vertici della società – sottolinea Marco Butti – Oltre ai ritardi occorre poi soffermarsi anche sui disservizi, ad esempio il mancato funzionamento del riscaldamento e dell’illuminazione, la presenza di pochi convogli per alcune corse, oltre alla scarsa pulizia delle carrozze. Anche su questi temi credo che i vertici di Trenord siano gli interlocutori adatti per avere dei chiarimenti».
Marco Butti, con i consiglieri Diego Peverelli e Mario Molteni, aveva sollecitato la convocazione dei vertici di Trenord già prima del disastro del dicembre scorso in seguito all’introduzione del nuovo software di gestione del personale di Trenord.
«Le chiedo di accelerare i tempi per la convocazione di una commissione ad hoc – scrive l’esponente di Fratelli d’Italia a Legnani – alla quale invitare i nuovi vertici di Trenord, insediatisi a seguito delle vicende che hanno coinvolto a dicembre il precedente amministratore delegato. Alla luce della gravità della situazione – conclude Marco Butti nella nuova mail inviata al presidente della commissione Trasporti – conto sulla sua celerità per un immediato coinvolgimento di Trenord per individuare la data migliore per una riunione più che mai urgente».

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.