Mariano, gara di atletica annullata per evitare affollamenti

Centro sportivo Mariano Comense

Numeri troppo alti tra partecipanti e accompagnatori: salta la gara di atletica leggera della categoria Cadetti prevista per domenica prossima a Mariano Comense. Doveva essere un meeting con giovani delle province di Como, Lecco, Varese e qualche ospite da Bergamo.
Il problema è che sette giorni fa è saltata una identica manifestazione a Saronno, alla quale si erano iscritti ben seicento atleti, tutti minorenni.
Un numero alto di presenze a cui vanno aggiunti genitori, tecnici, giudici, accompagnatori e organizzatori stessi.
Una questione che si sarebbe riproposta a Mariano e che ha fatto preoccupare in primis il sindaco, Giovanni Marchisio, e la locale società, che con la Fidal provinciale si era assunta l’onere di organizzare la manifestazione.
Alla fine la decisione è stata unanime: meglio lasciar perdere. «La situazione, dal punto di vista epidemiologico, si presenta nuovamente difficile – ha scritto Carla Francesca Pirotta, presidente della Federazione atletica di Como e Lecco – Responsabilmente pensiamo sia il caso di anteporre la salute di tutti, anche in occasione di eventuali traumi per gli atleti che, in una situazione ospedaliera già critica, renderebbe ingestibile la presenza o degenza».
L’evento era stato proposto dalla Federazione regionale prima dell’inizio della stagione ufficiale in pista – che di solito avviene dopo le festività di Pasqua – per dare una occasione di confrontarsi a ragazzi che nell’ultimo anno hanno avuto poche occasioni di mettersi alla prova. Non faceva parte di un campionato, ma nella sostanza era una kermesse-spot.
La categoria Cadetti, che ha uno sbocco verso prove nazionali era in teoria autorizzata a gareggiare, anche in “zona rossa”. Ma, come detto, a prescindere i curatori della manifestazione in un momento tanto difficile per il territorio a causa dell’emergenza sanitaria non se la sono sentita di andare avanti.
«Non ci sembra corretto, per chi oggi vive le restrizioni della “zona rossa”, movimentare un alto numero di persone – ha concluso Carla Francesca Pirotta – Nel caso in cui la situazione dovesse migliorare, riproporremo la manifestazione durante il prossimo mese di aprile. Auspichiamo di tornare il più presto possibile a un minimo di normalità, con la speranza di tornare a rivederci prestissimo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.