Massimo Nicastro: «Lascio il Como, ma manterrò ogni impegno»
Sport

Massimo Nicastro: «Lascio il Como, ma manterrò ogni impegno»

«Confermo l’intenzione di uscire dal Como. Non lascerò nessuno in braghe di tela e manterrò ogni impegno, ma ritengo chiusa la mia esperienza di dirigente». Massimo Nicastro, presidente (ancora per poco, evidentemente) del Como 1907 non si nasconde e conferma le indiscrezioni delle ultime ore.
Una prospettiva quasi incredibile, se si pensa che il numero uno del club fino a poche settimane fa parlava con entusiasmo del trasferimento del club in America, dei progetti futuri per lo stadio e di una prospettiva di serie A.
Ma cosa è successo? «Il mio, ci tengo a dirlo, è un disaccordo rispetto alle prospettive della società – spiega Nicastro – e ai progetti immediati. Rimangono rispetto e amicizia con le persone con cui ho condiviso il cammino».
Quindi? «Non condivido il fatto di dover inseguire la serie C a tutti i costi fin da questa estate. Mi rendo conto che per la piazza e per gli altri soci è una priorità: io invece sarei ripartito dalla serie D».
«A mio giudizio la priorità doveva essere quella di mettere basi solide per il club, anche con un ulteriore anno fra i dilettanti – afferma ancora l’imprenditore italoamericano – Invece tutti si sono concentrati fin da subito sul ripescaggio. Ne prendo atto, non voglio polemizzare, ma non sono d’accordo».
Una decisione che però arriva nella settimana in cui è necessario formalizzare la domanda per essere ammessi alla serie C. «Io manterrò gli impegni presi. Confermo che darò il mio contributo per il ripescaggio, ma poi mi defilerò. Non so se fra un giorno o fra pochi mesi: si tratta di capire quando. Nell’immediato trovo sia giusto passare la mano dal ruolo di presidente. Ma, ribadisco fermamente, in una fase così delicata non farò mancare l’ossigeno a chi sta facendo gli sforzi per avere l’immediata promozione in serie C».
Massimo Nicastro aggiunge: «Nella situazione che ho descritto c’è anche un mio desiderio personale di considerare altre priorità come la famiglia e il lavoro. Anche per questo intendo vendere».
Vendere, appunto. Ma a chi? «Roberto Felleca ha la priorità – risponde Nicastro – Se ha intenzione di andare avanti, con il supporto di altri soci, è giusto che lo faccia. Io posso affermare di avere offerte da America, Cina e Arabia, con persone che potrebbero anche dare una mano ai dirigenti che andranno avanti. Ovvio che sono passaggi non facili e che ci siano tante cose da vedere e valutare. Il cammino è comunque intrapreso».

19 Lug 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto