Maxi-antenna: assoluzione e area dissequestrata

CHIUSA LA VICENDA PENALE SUL “CICLOPE”
Assoluzione e area dissequestrata. È questa la conclusione della vicenda penale del “Ciclope”, la maxi antenna di Radio Kappa che avrebbe dovuto sorgere in via Baffa alle porte di Brunate. Carlo Ballabio, 67 anni di Figino Serenza, socio e legale rappresentante della radio, era finito sul registro degli indagati del pm Simone Pizzotti in quanto accusato di abuso edilizio e ambientale per il traliccio i cui lavori furono poi successivamente sospesi. Una storia che non mancò di sollevare le proteste dei residenti di Brunate proprio per l’imponenza e l’impatto della grande antenna, ribattezzata “ciclope”. La procura nella precedente udienza aveva chiesto l’assoluzione, mentre ieri mattina ha fatto “marcia indietro” chiedendo la condanna a 2 mesi, 40 mila euro di multa e il ripristino dei luoghi. Il giudice invece ha optato per l’assoluzione. Gli atti sono comunque stati trasmessi di nuovo in procura per valutare le posizioni degli ex dirigenti del comune in merito alla regolarità dell’emissione dei permessi.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.