Maxi-multe a chi è senza biglietto: incasso potenziale di 3 milioni
Cronaca, Territorio

Maxi-multe a chi è senza biglietto: incasso potenziale di 3 milioni

Vita dura per chi non paga il ticket sui mezzi pubblici. Sempre che ci sia qualcuno incaricato di controllare e di sanzionare gli indisciplinati e i “portoghesi”. Nella manovrina votata dal governo prima di Pasqua è stato deciso di multare fino a 200 euro chi sale su bus o treni senza aver acquistato e timbrato il «titolo di viaggio», quello che una volta veniva banalmente chiamato biglietto.

La maxi-multa di 200 euro non è la sola misura immaginata dal governo per arginare il fenomeno del tragitto a sbafo. Agli abituali controllori, infatti, le società che gestiscono il servizio di trasporto pubblico potranno affiancare altri «agenti accertatori»; e sui mezzi si potranno anche installare telecamere utili a dimostrare l’infrazione in maniera del tutto inoppugnabile. A Como, il problema di chi non paga il biglietto è oggetto da tempo di discussione.

I vertici di Asf Autolinee hanno calcolato in un 5% il margine di infrazione da parte degli utenti dei bus di linea. Una percentuale che viene però fortemente contestata dagli autisti e dai rappresentanti sindacali. Questi ultimi stimano in non meno del 30% l’evasione dal ticket e denunciano da tempo l’aggravarsi del fenomeno. Sempre l’azienda, attraverso l’ufficio stampa, rivela poi un secondo dato: nel 2016 i controlli effettuati sui pullman e sui bus lariani sono stati all’incirca 40mila e le infrazioni rilevate quasi nulle (appena l’1%).

In ogni caso, stando al bilancio consuntivo 2015 – l’ultimo pubblicato sul sito Internet di Asf Autolinee – il totale dei biglietti venduti in un anno sfiora i 15 milioni di euro. Se con le nuove regole si riuscisse a “pizzicare” anche solo l’1% indicato dall’azienda, applicando la sanzione di 200 euro si potrebbero recuperare fino a 2,9 milioni. Una cifra quasi fantascientifica per un’impresa il cui utile si aggira sui 5 milioni.

16 aprile 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto