Maxirisottata, i cuochi comaschi premiano lo chef eroe della Costa Concordia

0risottata(ka.t.c.) Grandi chef in adunata da tutta la Lombardia ieri a Como, in occasione della Festa Nazionale del Cuoco. Nel giorno della ricorrenza del patrono della categoria, San Francesco Caracciolo, dopo l’incontro con le autorità a Palazzo Cernezzi e la sfilata fino al Duomo, si è celebrata un’imponente festa del palato con grande partecipazione di pubblico che non ha temuto la pioggia battente: 40 chili di gnocchi, 40 chili di risotto (nella foto Fkd), altrettanti di fritture tra fiori di zucca, mozzarelle impanate e olive ascolane, senza contare i quasi 100 kg di finger food portati dalle scuole di cucina del territorio comasco. 

Nutrita  la rappresentanza delle associazioni Cuochi di Lecco, Varese, Bergamo che hanno affiancato i numerosi chef comaschi.
«Non ci aspettavamo così tanta adesione  – si è rallegrato Cesare Chessorti, presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi – ringrazio i relatori di slow food, il maestro di cucina Giovanni Guadagno, i tanti chef testimoni della cucina italiana nel mondo e in particolare Paolo Maspero cui abbiamo consegnato una targa di riconoscimento; ha portato la nostra tradizione in tutto il mondo oltre ad essersi  distinto nei soccorsi della tragedia della nave da crociera Concordia, un merito di cui non ama far parola, per la modestia che lo caratterizza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.