Medici e pediatri in vacanza, assistenza difficile con i sostituti
Cronaca, Sanità, Territorio

Medici e pediatri in vacanza, assistenza difficile con i sostituti

Aumentano i casi di influenza proprio nei giorni in cui molti medici di famiglia e pediatri sono in vacanza e i pazienti devono rivolgersi ai sostituti, che spesso ricevono in altri ambulatori, con differenti modalità di appuntamento e di ricevimento. E così per chi si ammala, in particolare per gli anziani e i bambini – i più esposti alle complicanze influenzali – diventa complicato ricevere assistenza in tempi rapidi. Gli stessi camici bianchi che sostituiscono i medici assenti risultano difficili da contattare perché, a loro volta, oltre ai propri pazienti, si trovano a gestire quelli di un collega.
È questa una delle cause che spingono i malati a recarsi al pronto soccorso in questi giorni pur senza una reale situazione di emergenza, creando così a catena lunghe attese nei reparti dedicati alle urgenze.
L’invito delle autorità sanitarie è di evitare di intasare inutilmente il pronto soccorso, ma non sempre è possibile se, come segnalato da alcuni lettori, è difficile mettersi in contatto con i propri medici.
Il consiglio rivolto ai pazienti resta in ogni caso valido: tentare, laddove la sindrome influenzale abbia dei sintomi lievi, di gestire la malattia a domicilio, senza recarsi al pronto soccorso dove si rischia di dover aspettare ore prima di venire visitati e di creare problemi nella gestione dei casi più urgenti.
«Non siamo ancora nel picco stagionale dell’influenza, anche se è importante non trascurarne i sintomi – spiega Gianluigi Spata, presidente dell’Ordine dei medici di Como – Il primo consiglio che do ai miei pazienti è quello di non correre immediatamente al pronto soccorso, ma di farlo solo in caso di urgenze. Occorre interpellare il medico di base o il sostituto, che deve esserci per legge, o la guardia medica nei giorni festivi. Può accadere che arrivino così tante persone e chiamate in ambulatorio da non riuscire a mettersi in contatto in fretta con il dottore: bisogna avere pazienza e riprovare».
Dello stesso parere anche Elisabetta Profumo, medico segretaria provinciale della Fimp (Federazione italiana medici pediatri) di Como, che sottolinea innanzitutto che il sistema sanitario, anche durante i giorni di festa, assicura il servizio, perché anche se il medico manca c’è il sostituto pronto a ricevere i pazienti che hanno bisogno di cure.
«Nei giorni festivi si registra sempre un po’ di caos – spiega la dottoressa – Una cosa è certa: se manca il medico di base deve esserci il sostituto. Può capitare che alcuni pazienti a volte non lo contattino perché si fidano più di chi li segue da anni».
Il consiglio – chiarisce Elisabetta Profumo – è di «non lasciarsi prendere dal panico e di non recarsi al pronto soccorso, salvo nei casi di emergenza». E conclude: «Il sistema sanitario funziona, può essersi creato un po’ di scompiglio in questo periodo festivo, dato dal fatto che si sono accavallati più giorni festivi, come nel caso di sabato 30 e domenica 31 dicembre seguiti dal primo gennaio. Un medico, però, c’è sempre».

3 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto