Menaggio, il “Festival della chitarra” tutto in un giorno

Sergio Fabian Lavia e Dilene Ferraz

Il 28 agosto protagonisti celebri artisti dello strumento, dai ritmi sudamericani al jazz

Dopo lo stop dell’anno scorso, il “Festival di chitarra di Menaggio” tornerà, il 28 agosto, a portare buona musica sul Lago di Como. Organizzato da Sergio Fabian Lavia e Dilene Ferraz, originari rispettivamente di Argentina e Brasile, lariani d’adozione e molto attivi nella vicina Svizzera tra conservatorio e studi radiofonici, il Festival di chitarra vanta tredici edizioni e un pedigree di alto livello con ospiti internazionali.
«È da quando ho 14 anni che suono la chitarra e non mi era mai capitato di non esibirmi per un periodo così lungo – racconta Sergio Fabian Lavia – è stata molto dura psicologicamente per noi musicisti e per me, in particolare, soprattutto dopo il secondo lockdown, ma quest’anno a maggio abbiamo deciso di provare a ripartire, anche se in una sola giornata».
Il festival, per tradizione, si svolge nell’arco di una settimana, ma l’edizione 2021, organizzata con il supporto del Comune di Menaggio, si concentrerà in una sola giornata con l’ingresso libero a tutti i live e l’apertura affidata a una giovane pop band.
«Vista la situazione di crisi post Covid non ce la siamo sentita di chiedere contributi agli sponsor privati – continua Sergio Fabian Lavia – ma con il sostegno pubblico siamo comunque riusciti a radunare artisti di livello che che rappresentano culture diverse con stili differenti: dalla chitarra classica contemporanea al fingerpicking, dalla musica sudamericana al jazz con le tecniche più innovative dello strumento».
Il festival si svolgerà il 28 agosto, dalle 18.30 in poi, lungo via Calvi, e ai giardini dell’asilo a lago. Ospiti saranno Flavio Minardo (chitarre acustiche e sitar), Achille Succi (clarinetto basso, flauti e sax), Francesco Mantero (batteria e percussioni), Dilene Ferraz (canto, percussioni e flauto traverso), Sergio Fabian Lavia (chitarra, canto e live electronics), Riccardo Bianchi (chitarra elettrica), Barbara Tartari (flauto traverso) e Claudio Farinone (chitarra classica).
«Ho cercato soprattutto la varietà – conclude Lavia – con tre spettacoli diversi ma che vedono sempre la chitarra protagonista, chiuderemo con un omaggio ad Astor Piazzolla nell’anno del centenario della nascita».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.