Meno cassa integrazione nei primi mesi del 2018, ma sul Lario calano anche i posti di lavoro
Cronaca, Economia, Imprese, Lavoro, Sindacato

Meno cassa integrazione nei primi mesi del 2018, ma sul Lario calano anche i posti di lavoro

Il settore tessile è ancora in una fase di incertezza
Il settore tessile è ancora in una fase di incertezza

Diminuisce la richiesta di cassa integrazione da parte delle imprese lariane. Lo afferma il 6° rapporto Uil sulla cassa integrazione nelle province di Como e Lecco  relativo al primo semestre del 2018.

Rispetto allo stesso periodo del 2017 i dati sono chiari:

  •  Como -23,4 %;
  •  Lecco – 54,9 %;
  •  Lombardia – 20,1 %;
  •  Italia – 34,4 %.

Una situazione determinata soprattutto dal calo delle ore di cassa integrazione straordinaria

  •  Como – 33,2 %,
  •  Lecco – 46,6 %;
  •  Lombardia – 3,2 %;
  •  Italia – 40,7 %;

e di quelle in deroga:

  •  Como – 99,7 %;
  •  Lecco – 97,7 %;
  •  Lombardia – 96,0 %;
  •  Italia – 89,3 %.

Diminuisco anche le ore di cassa integrazione ordinaria:

  •  Como – 0,7 %;
  •  Lecco – 53,0 %;
  •  Lombardia – 19,7 %;
  •  Italia – 1,9 %

Tra i comparti industriali, il settore tessile non si mostra particolarmente positivo dato che continua, in questi primi 6 mesi del 2018, a pesare nella richiesta di cassa integrazione ordinaria:

  •  Como + 20,3 %
  •  Lecco + 156,9 %

Diminuisce, invece, la cassa integrazione ordinaria nelle aziende della meccanica e metallurgia:

  •  Como -19,0 % cassa
  •  Lecco -85,2 % cassa

In generale, la cassa integrazione diminuisce in tutti i settori produttivi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente nelle due Province, tranne che nel settore dell’edilizia per quanto riguarda le aziende della Provincia di Como:

  • Industria: Como -16,5%; Lecco -52,4%.
  • Edilizia: Como +12,4%; Lecco -21,3%.
  • Artigianato: Como -100,0%; Lecco -97,3%.
  • Commercio: Como -77,1%; Lecco -100,0%.

Rilevante il calo dei lavoratori in cassa integrazione nei primi 6 mesi 2018 rispetto ai primi 6 mesi del 2017:

  • Como -571
  • Lecco -483

Il 6° rapporto Uil del Lario conferma quindi una situazione di sofferenza per le aziende del settore tessile, percepibile nei due territori ma maggiormente visibile nella Provincia di Como dove rappresenta il tessuto produttivo principale; in questo territorio anche il settore dell’edilizia manifesta una condizione di difficoltà. Mentre per le aziende metalmeccaniche la ripresa economica è più strutturata.

Secondo il segretario generale della Uil del Lario, Salvatore Monteduro, «assistiamo a una graduale uscita del nostro sistema produttivo dalla fase più critica della crisi. Sostanziale è stato ni questo senso l’apporto della domanda estera. Adesso però è necessario accompagnare la timida ripresa economica con politiche mirate a sostenere la domanda interna, attraverso investimenti pubblici e ridando maggiore potere di acquisto ai lavoratori e pensionati, al fine di consolidare l’attuale fase di ripresa economica e con l’obiettivo di creare nuovi posti di lavoro stabili».

23 Luglio 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto