Mercatino Città dei Balocchi, Confesercenti: «Occorre privilegiare i commercianti comaschi»
Economia, Territorio

Mercatino Città dei Balocchi, Confesercenti: «Occorre privilegiare i commercianti comaschi»

Non siamo al livello dello slogan svizzero “Prima i nostri”, ma la consueta massiccia presenza di ambulanti forestieri per i prossimi mercatini di Natale fa alzare le antenne alle associazioni dei commercianti.
La questione è stata sollevata ieri proprio su queste colonne dal consigliere comunale di opposizione Alessandro Rapinese. Parlando della Città dei Balocchi e dei suoi mercatini, Rapinese aveva chiesto il motivo per cui non venisse data la priorità ai commercianti comaschi per le presenze nelle ormai celebri casette di legno. «Visto che loro pagano le tasse qui tutto l’anno», aveva detto Rapinese. E in questo modo «perdono una fetta cospicua degli acquisti legati al Natale per via delle bancarelle della Città dei Balocchi».
Claudio Casartelli, presidente di Confesercenti già da tempo cerca di sollevare la questione.
«Da una parte io credo che sia giusto che gli organizzatori facciano quadrare i conti, così, alla fine, se nessun commerciante comasco è interessato agli spazi della Città dei Balocchi non si può chiedere di lasciarli vuoti. Dall’altra, lo stesso Comune dovrebbe inserire nel bando di privilegiare il commercio dei prodotti tipici lariani e dell’artigianato locale».
«Se per fare il mercatino di Natale a Como si devono chiamare commercianti e artigiani di Trento, ditemi voi quale valore ha la manifestazione per il territorio – aggiunge il presidente di Confesercenti – Serve una giusta mediazione, ma è il Comune a dover fare da arbitro. Si tratta della stessa questione che solleviamo periodicamente sulle sagre di paese. Gli eventi prima di tutto devono valorizzare il luogo in cui vengono realizzati. Se per la festa della birra guadagna solo chi porta la birra o cuoce le salamelle e per giorni si fanno soffrire bar e ristoranti, la festa della birra non ha senso».
«Vanno sempre coinvolti gli operatori locali in tutti gli eventi – conclude – Poi, ripeto, se non ci sono risposte dagli imprenditori di Como, ma mi sembra molto strano, è giusto aprire anche agli altri».
Paolo Annoni

28 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto