Mercato immobiliare in forte ripresa. Como torna sui livelli del 2010

Tetti di Como

I comaschi credono sempre di più nel mattone. Tanto da proiettare il mercato immobiliare della provincia lariana verso le cifre migliori dell’ultimo decennio. La conferma di una tendenza iniziata già lo scorso anno arriva da due diverse ricerche.
La prima è l’Indagine sulle economie regionali della Banca d’Italia nel primo semestre del 2018, secondo la quale «la Lombardia è la regione italiana in cui sono stati scambiati più immobili nel 2017», mentre «soltanto nel primo semestre 2018 sono state registrate quasi 90mila compravendite, pari al 20,22%» del dato nazionale.
La seconda è il Rapporto 2018 sul mercato immobiliare della Lombardia, presentato l’altro giorno a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con Casa.it in cui si conferma nel 2018 un aumento del 13,8% degli acquisti e vendite di abitazioni rispetto all’anno precedente.
Il focus di Scenari Immobiliari evidenzia poi come tra i mercati residenziali dei capoluoghi lombardi (con la sola eccezione di Milano), quello comasco sia di gran lunga il più dinamico. In città, infatti, «nel 2017 il numero di compravendite è stato pari a 1.180 unità, segnando il miglior risultato dal 2010, con una crescita del 9,3%rispetto all’anno precedente. L’incremento del numero di compravendite è stato accompagnato da una crescita del 5,6% del fatturato, salito a 283 milioni di euro, anche in questo caso superando per la prima volta i valori del 2011». Si compra e si vende molto, quindi, anche se a prezzi più bassi rispetto al passato recente.
Spiegano gli estensori della ricerca di Scenari Immobiliari che «la ripresa del mercato immobiliare della città di Como è proseguita anche nel 2018: secondo le attuali stime dovrebbe concludersi con 1.330 unità compravendute (+ 12,7% rispetto al 2017) e 307 milioni di euro di fatturato (vale a dire +10,1%)». Per la prima volta da dieci anni a questa parte, il mercato potrebbe così assorbire oltre l’80% dell’offerta, un dato considerato elevatissimo. Anche le previsioni sono buone.
Stando agli attuali trend e allo «stato di salute di cui gode il mercato immobiliare di Como, per il 2019 si prevedono risultati positivi per tutti gli indicatori». In particolare, potrebbe di nuovo essere superata la soglia dei 300 milioni di euro di fatturato.
L’andamento delle quotazioni immobiliari di Como nell’ultimo decennio ha visto una riduzione dei prezzi medi di vendita al metro quadrato di oltre il 25% nelle zone periferiche della città, del 13% nel semicentro e dell’8,4% nel centro storico. Nell’ultimo biennio si sono comunque osservati segnali di ripresa, in particolare nelle zone centrali e semicentrali della città.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.