Cronaca

Mezzo milione gettato al vento

Spreco assurdo
Il futuro tracciato della Pedemontana, nel 2011, quando è stata realizzata la base dell’elisoccorso a Villa Guardia, era noto e già definito. Sarà pure subentrata qualche nuova normativa o regolamento nei mesi successivi, ma possibile che questo intervento – e soprattutto questa spesa – non si potessero evitare? Comunque la si guardi, una spesa di mezzo milione di euro per costruire una nuova base, identica alla prima, a poche decine di metri da quella esistente, suona come un inutile e insopportabile spreco di risorse. Parlando con i diretti interessati, le parole «errore», o almeno «superficialità» o «dimenticanza» restano tabù. Eppure, senza ricorrere a valutazioni tecniche, è sufficiente un briciolo di buon senso per affermare che sì, è evidente, qualcuno ha sbagliato, ha fatto male i calcoli, ha scordato qualche passaggio.
Qualcuno ora troverà le risorse per correre ai ripari e mettere una pezza.
È facile immaginare che assisteremo pure all’immancabile taglio del nastro della nuova elisuperficie, gemella della prima. Sarà presentata come un ampliamento, un servizio in più, una imperdibile opportunità. Sarà.
Ma una fastidiosa vocina, quella del buon senso, continuerà a suggerire le stesse, poche parole: «Mezzo milione di euro buttato al vento».

ANNA CAMPANIELLO

21 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto