Migranti: basta respingimenti, manifestazione a Trieste

Un centinaio di persone di associazioni davanti Consolato croato

(ANSA) – TRIESTE, 08 GEN – "Denunciare pubblicamente le sanguinarie politiche europee in merito alla protezione dei confini". È la ragione per la quale quasi un centinaio di attivisti si sono ritrovati questa sera davanti al Consolato croato di piazza Goldoni, come spiegato nel volantino firmato dagli organizzatori, ovvero l’Assemblea No CPR No Frontiere FVG assieme alle organizzazioni Linea d’Ombra odv e Strada Si.Cura. La manifestazione si è svolta davanti al Consolato della Croazia, primo Stato in area Schengen per chi arriva attraverso la ‘rotta balcanica’, oltre il cui confine con l’Erzegovina si trovava il campo profugo di Lipa, recentemente dato alle fiamme. E’ in quest’area che solitamente si ammassano i migranti che tentano di varcare il confine. Sempre secondo quanto sostenuto dagli attivisti, la crisi umanitaria lungo la rotta balcanica "è una situazione di violenza sistemica, oltre al freddo intollerabile di questi giorni al confine bosniaco". Secondo i manifestanti, alle difficili condizioni di vita nei grandi campi bosniaci si associano "le violenze sistematiche della polizia croata, la catena dei respingimenti che arriva fino a Trieste, il razzismo fuori e dentro i confini dell’Unione Europea". Ricordano inoltre che "tra gennaio e metà novembre 2020, la polizia di frontiera di Trieste e Gorizia ha ‘riammesso’ in Slovenia 1.240 persone", registrando un aumento pari al 420% rispetto al 2019. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.