Migranti: bufera su Cpr Macomer

Opposizione all'attacco

(ANSA) – NUORO, 14 FEB – Ad appena tre settimane dall’apertura, cresce la tensione attorno al Cpr di Macomer, il primo Centro in Sardegna di permanenza e rimpatri per i migranti. Se dall’interno della struttura rimbalzano voci su episodi di violenza e aggressioni, mai confermate dalla Prefettura né dalle forze dell’ordine, a livello politico monta la polemica. "La gestione interna del Cpr non compete al Comune ma alla Prefettura", spiega all’ANSA la sindaca facente funzioni Rosanna Ledda. Ma l’opposizione attacca: "E’ lei che deve informarsi dalla Prefettura e dire con chiarezza e trasparenza cosa sta succedendo nel Cpr, è un diritto dei macomeresi sapere se hanno in città una struttura che è una polveriera o se le voci che si rincorrono sono infondate – dice Arturo Uleri della lista Uniamoci di Macomer, dimessosi qualche giorno fa insieme al suo collega Daniele Nieddu proprio perchè in disaccordo sull’apertura del Centro –

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.