Missionaria svizzera uccisa in Mali dai jihadisti

E' Béatrice Stockly

(ANSA) – GINEVRA, 10 OTT – La Svizzera ha annunciato che nel Mali una missionaria di Basilea è stata uccisa ha detto il portavoce del Dipartimento federale (ministero) degli affari esteri Valentin Clivaz all’agenzia Keystone-ATS. Secondo i media svizzeri si tratterebbe della 59enne Béatrice Stockly. La donna, che da anni lavorava come missionaria a Timbuctù, era stata rapita all’inizio del 2016. Era già stata rapita una prima volta nell’aprile del 2012, precisa l’agenzia. I responsabili dell’uccisione sarebbero membri dell’organizzazione terroristica islamista Jama’at Nasr al-Islam wal Muslim (Fronte di sostegno all’Islam ed i musulmani). Le circostanze esatte dell’assassinio non sono ancora chiare. Le autorità svizzere hanno appreso l’informazione da Parigi a sua volta informata dall’ostaggio francese recentemente rilasciato. Berna intende ora fare tutto il possibile per accertare le circostanze esatte dell’uccisione e ottenere le spoglie dell’ostaggio svizzero. A tal fine, si rivolgerà anche al governo di transizione del Mali, afferma una nota del Ministero. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.