Mito Rivarossi, si lavora al museo

altMemorie lariane

(l.m.) Il Comitato Rivarossi che tutela e promuove la memoria dell’ingegnere Alessandro Rossi, re del modellismo tricolore, ha appena donato alla più longeva scuola di sci italiana, quella di Cortina che lo ebbe socio, un simbolico documento. È un pezzetto del monumento dell’architetto Paolo Albano che celebra Rossi a Sagnino. Ora si lavora a una prossima tappa: un altro frammento della scultura arriverà a breve nella città natale dell’imprenditore, Schio. Intanto si progetta un futuro

museo comasco dedicato al “mito” Rivarossi. «Como sia identificata con Rossi e il suo storico marchio. Prendiamo esempio da quanto Collodi fa con Pinocchio», dicono Paolo Albano e il presidente del comitato, Vittorio Mottola. Dall’archivio spuntano immagini eloquenti, come la presenza di Rivarossi alla 13ª Triennale di Milano, nel 1964, con i trenini made in Lario, esempi di razionalità e buon design applicati al settore trasporti. «Nel 1995 il Museo Nazionale della Scienza e Tecnica Leonardo da Vinci di Milano dedicò poi a Rivarossi una mostra, “Un trenino lungo cinquant’anni”, rimasta nella storia», ricorda Albano. C’è da riflettere.

Nella foto:
A lato, da sinistra, il presidente della Scuola Sci Cortina Giovanni Alverà con Paolo Albano. Sopra, la mostra alla Triennale del 1964

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.