Molestata in via Mentana: arrestato 19enne somalo

Como, via Mentana

È scesa dall’auto, appena parcheggiata all’imbocco di via Mentana nei pressi di via Cesare Battisti. Si è avvicinata al parcometro per ritirare il bigliettino da esporre sul parabrezza. Una volta risalita in auto per piazzare il tagliandino, si è trovata la portiera bloccata da un ragazzo che si era abbassato pantaloni e mutande mostrandole i genitali e cercando di palpeggiarla. Brutta avventura in pieno giorno, prima delle 19 di sabato, per una 23enne di Como che stava raggiungendo il proprio ragazzo in un negozio del centro. La giovane, spaventata, ha prima cercato di urlare per richiamare l’attenzione di qualche passante, poi è riuscita a divincolarsi e ad allontanarsi, chiamando le forze dell’ordine. In Largo Spallino, poco lontano dal punto della molestia, sono arrivati i carabinieri di quartiere che hanno ascoltato il racconto della ragazza risalendo subito al presunto responsabile. In manette, arrestato per la violenza sessuale, è finito un somalo di 19 anni con ben 11 alias. Secondo quanto ricostruito, avrebbe agito in preda ai fumi dell’alcol, occultando parzialmente il volto con una mascherina chirurgica e con un cappellino. L’accaduto è stato segnalato al pubblico ministero di turno in Procura, il dottor Massimo Astori, che ha già chiesto al giudice delle indagini preliminari di Como la convalida dell’arresto dello straniero. Un fatto – l’ennesimo – che ha riportato l’attenzione sulla zona adiacente l’ex chiesa di San Francesco. Da quanto è stato possibile ricostruire, il somalo avrebbe avvicinato la ragazza per chiedere monete e sigarette, ed in seguito l’avrebbe molestata impedendole di chiudere la portiera dell’auto che aveva appena parcheggiato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.