Morto a 12 anni: occlusione, poi crisi

"Aveva addome trattabile"

(ANSA) – MILANO, 1 GEN – Il suo forte mal di pancia era un’occlusione intestinale, forse di natura congenita, e solo dopo un giorno di osservazione è stato operato al riacutizzarsi dei dolori. Ma ha avuto una crisi cardiaca, mentre era sotto i ferri. E’ morto così, lunedì pomeriggio, il ragazzo di 12 anni che era entrato il giorno prima al Pronto Soccorso dell’ospedale di Vizzolo Predabissi, in provincia di Milano. In base a una prima ricostruzione, visto subito da un pediatra e da un medico d’urgenza è stato valutato "con addome trattabile", quindi non in pericolo, e trattenuto. Durante l’operazione gli è stata asportata parte dell’intestino, ma non si è riusciti a salvargli la vita. Lo staff medico è – da quanto appreso – in stato di choc. I parenti hanno autorizzato la donazione delle cornee. La Regione Lombardia ha immediatamente istituito una "commissione di verifica": il presidente Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Giulio Gallera hanno espresso "cordoglio e vicinanza" alla famiglia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.